pene  
Utente 426XXX
Salve.

Vi scrivo in quanto preoccupato per un fatto recentemente accadutomi.

Circa due settimane fa ho avuto un rapporto con una donna ben più grande di me che ho poi scoperto fare uso di sostanze stupefacenti, e vista la natura del nostro rapporto (orale più che altro, ma non protetto) mi ritrovo preoccupato.

Circa due giorni dopo il rapporto ho anche bruciore alla parte superiore del pene ogni qualvolta tenti di urinare.
Il medico mi dice che è infezione, prendo per due giorni una medicina per via orale ma il bruciore non passa, e quindi ho appena fatto il test delle urine.

Come non bastasse ho diarrea da qualche giorno e avendo letto che è un sentono dell'AIDS sono preoccupato.

Volevo quindi chiedervi se posso essere veramente a rischio visti i sintomi e quindi fare il test o mi sto preoccupando per nulla?

Grazie per il vostro tempo,
Mauro

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Una fellatio insertiva con una sconosciuta, non protetta dal condom, è un rapporto a rischio per tutte le MST.
Con queste intendiamo Sifilide, Gonorrea, Chlamydiosi uretrale, Mycoplasmosi uretrale, Condilomatosi, Mollusco contagioso, ulcera molle, i tre ultimi neppure prevenuti dall'uso del condom.
In quanto all'HIV e all'HBV finchè il Ministero della Salute non si pronuncerà sulla assoluta impossibilità di contagio con la fellatio insertiva, emanando apposite direttive ufficiali, il rischio è basso ma non è nullo. Lasci stare la Lila, il S Raffaele, e tutte le altre crocerossine improvvisate che dispensano consigli. In uno stato Civile c'è un Ministero della Sanità o della Salute che emana direttive con forza di legge o di decreto. Accade in tutto il Mondo Occidentale.
Il bruciore che avverte quando urina va diagnosticato da un dermatologo o da un Andrologo prima di prendere qualunque antibiotico a casaccio.
Certamente non è sintomo di sieroconversione.
Quindi sarebbe bene che lei si rivolgesse ad un centro per le MST della sua città dove le indicheranno i tests da fare e le tempistiche dei medesimi.
Faccia sapere se vuole,
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 426XXX

Grazie mille per la risposta.

Domani dovrei avere i risultati del test sulle urine e quindi chiarire quel punto.

Per quanto riguarda la diarrea persistente pensa ci sia una connessione al bruciore (bruciore sul glande ma senza arrossamenti del pene) o che possa essere sintomo di HIV?

So comunque che devono passare 3mesi prima che i risultati del test siano del tutto attendibili, quindi penso che il test HIV sia inutile al momento, o sbaglio?

Grazie comunque per la risposta.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
La diarrea non ha attinenza con la fellatio di cui parliamo.
Nè può essere sintomo di infezione da HIV.
Il primo test HIV di IV generazione non è utile prima di 30 gg e poi va ripetuto a 3 mesi.
La sierologia per la Sifilide va effettuata a 60 gg.
La sierologia per HBV, se non è vaccinato, si effettua con la ricerca dell'HBs Ag e dell'HBs Ab dopo 30 gg e dopo 60 gg.
Nel caso sia vaccinato, è sufficiente solo il dosaggio degli HBsAb

Faccia sapere se vuole.
Buona giornata,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 426XXX

Salve.

Ora sono giunti i risultati .
Tutti valori nella norma, dal colore ai nitriti.
Questi i punti che non riesco a comprendere:

Analisi citofluorimetrica degli Elementi Corpuscolati:
LEUCOCITI= 5 elementi/uL [0 - 20]
EMAZIE= 2 elementi/uL [0 - 12]
CELLULE EPITELIALI= 0 elementi/uL [0 - 20]
BATTERI= 2 elementi/uL [0 - 200]

In ogni caso ho fatto tutti i vaccini fino ad ora.
E il bruciore al pene si riduce ogni giorno di più, soprattutto quando uso il talco. Da oggi è praticamente sparito, e non lo sento più.
Diarrea anche quella assente.

Cosa può essere?

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cosa può essere?
Può essere che aveva una banale irritazione che sta guarendo anzi è guarita.
Meglio così.

cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 426XXX

Grazie mille per la sua risposta e il suo tempo.

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla.

Cari saluti,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.