Utente 427XXX
Buonasera! Spero in un gentile riscontro in quanto sono una mamma preoccupata. Ho scoperto mio malgrado che i miei figli (2 e 7 anni) hanno gli ossiuri. Su consiglio della pediatra ho somministrato mercoledì pomeriggio un'unica dose di vermox che dovrei ripetere tra due settimane. Passati già 2 giorni nelle feci del piccolo ho notato solo degli ossiuri immobili (quindi suppongo morti), mentre nelle feci di mia figlia riscontravo numerevoli ossiuri mobili e anche la notte ne ho trovati tre nella zona perineale. Ho quindi ricontattato la pediatra che non è in grado di dirmi entro quanto dovrebbero morire a causa di vermox, ma mi ha detto di somministrare un'ulteriore dose a distanza di 3 gg e cioè sabato. Ho somministrato anche la seconda dose, ma a distanza di 5 gg dalla prima e 2 dalla seconda, mentre nelle feci del piccolo non si nota più nulla, in quelle di mia figlia continuano ad esserci ad ogni evacuazione e assolutamente vivi. Questa sera addirittura mentre la sistemavo per andare a letto ho notato 2 che si muovevano tra le natiche! Sono veramente disperata! Non capisco se il farmaco e' inefficace o ciò che accade è normale? Ho letto che il farmaco dovrebbe ucciderli in poche ore in modo anche da impedire ulteriore annidamento di uova invece così praticamente non stiamo intervenendo per nulla. Infine vorrei chiedere se esiste qualche interazione tra vermox e augmentin, visto che fino ad oggi da una settimana mia figlia l'ha preso per via di un'infezione alle vie urinarie da e. coli. Grazie in anticipo per l'eventuale risposta

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
premesso che il Vermox e l'Augmentin non interagiscono tra di loro, è importante conoscere che dose sia stata somministrata alla bambina e quanto pesi.
Tenga presente che il Vermox non viene assorbito a livello intestinale e quindi le dosi possono essere maneggiate con tranquillità.
Se sottodosato e la parassitosi è notevole è ovvio che occorrano dosi più alte.
Il suo meccanismo è quello di legarsi all'intestino DEI VERMI e di bloccarlo per cui muoiono e vengono espulsi con le feci.
Una resistenza al Vermox è del tutto improbabile.
Mi faccia sapere, se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 427XXX

Salve dottore. Intanto la ringrazio immensamente per la tempestiva risposta. La bambina ha preso sia mercoledì che sabato la stessa dose presa da tutti noi membri della famiglia e cioè 5ml di sciroppo vermox, come indicato dal bugiardino e dalla pediatra. Fatto sta che espelle ossiuri assolutamente vivi e ha la vul va nuovamente rossissima e sente forte prurito, per cui temo un'ulteriore ricaduta d'infezione alle vie urinarie. Non so cosa fare, sono molto preoccupata e nessuno dei medici cui mi sono rivolta per dei consigli ha saputo darmi risposte soddisfacenti. Ho chiamato pure l'ambulatorio parassitologico del bambin Gesù e mi hanno detto che non è anormale che non vengano subito uccisi e di attendere la ripetizione della dose a distanza di 2 settimane. Io però non mi sento affatto tranquilla e non voglio sottovalutare la cosa, ancor più per via della sofferenza della bimba.

[#3] dopo  
Utente 427XXX

P.S. La bambina pesa 25 kg

[#4] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Sig.ra,
la dose è giusta.
Nella ipotesi, non del tutto inverosimile, che vi sia una resistenza a questo farmaco, può essere somministrato l'Albendazolo che in genere sugli ossiuri non fallisce mai.
Ma di questo deve parlare con la sua Pediatra.
La vulva arrossata la guardi con una forte luce: se l'infestazione è massiva potrebbero esserci degli ossiuri che causano il prurito in assenza di cistite.
E comunque prima di somministrare qualunque antibiotico faccia l'urinocultura con ABG per essere sicuri che si tratti di una infezione.
E un esame del sedimento urinario che potrebbe rilevare la presenza dei vermi.
Anche di questo parli con la pediatra.
Mi faccia sapere se vuole.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#5] dopo  
Utente 427XXX

Grazie dottore terrò assolutamente presente i suoi consigli. Il farmaco (vermox ) agisce anche sugli ossiuri nella vulva oppure la sua azione non intacca la zona? Questa sera mia figlia andando di corpo per la prima volta da una settimana aveva nelle feci alcuni ossiuri che sembravano morti e non vi erano degli ossiuri apparentemente vivi! Ora..questo potrebbe voler significare che pur lentamente con parecchi giorni di distanza , il farmaco cominci a fare effetto? E infine. ..se la vulva è così rossa è certo che ve ne siano ancora vivi che migrando (o abitandla se ciò è possibile ) creano questa irritazione o quest'ultima può essere frutto di migrazioni nei giorni precedenti?
Scusi le molte domande, ma le loro risposte mi aiutano ad inquadrare la situazione è valutala a prescindere dalle mie speranze.
Grazie

[#6] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara signora se gli ossiuri stanno morendo è un ottimo segno.
La vulva della piccola può essere colonizzata da qualche verme poichè ovviamente in quella sede il Vermox non agisce.
Procurando prurito e infiammazione.
Tuttavia non essendo l'ambiente adatto il verme in quella sede non avrà vita lunga.
Ecco perchè le ho detto di fare una Urinocoltura prima di intraprendere una nuova terapia antibiotica e un esame delle urine con sedimento: se non c'è flora batterica nelle urine la bambina non ha cistite e le risparmiamo un inutile ciclo di antibiotico.
In ogni caso stia tranquilla: vedrà che tutto si risolverà.
Gli Ossiuri sono fastidiosi ma non pericolosi.
Parli con la pediatra e mi faccia sapere se vuole.

Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#7] dopo  
Utente 427XXX

Grazie mille dottore è veramente gentile ed esaustivo nelle risposte. Immagino che se degli ossiuri avessero colonizzato la vulva non posso far altro che sperare in una vita breve e che altri ancora vivi non migrassero li'. L'urinocoltura la faremo sicuramente, ma dovremo aspettare un po' visto che solo ieri ha preso l'ultima dose di augmentin per via della cistite che aveva rilevato l'urinocoltura già fatta e che sicuramente è stata frutto degli ossiuri, ma ancora non ne conoscevo la presenza. Spero di poterla aggiornare presto con notizie positive.

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
lo spero anch'io!!Anzi ne sono certo!
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#9] dopo  
Utente 427XXX

Buonasera dottore! Mia figlia dall'ultima volta che Le ho scritto per altri 2 giorni ha eliminato con le feci degli ossiuri immobili e poi non ne ho più visti nelle feci, quindi speriamo di essere sulla buona strada. Oggi però, a distanza di 5 gg dall'ultima dose di augmentin per l'IVU ha nuovamente febbre! L'ho portata al p.s. e la visita generale è tutta nella norma, no gola rossa, no otite, spalle ok, ma lo stick delle urine è tale quale a quello precedente la terapia (leucociti 500, sangue 3+, proteine +,peso specifico 1010) solo i nitriti sono negativi, mentre prima erano positivi! Il medico del p.s. mi ha detto di non darle nulla ora e di rifare urinocoltura e antibiogramma, quindi far passare circa una settimana così per poi eventualmente ripetere la stessa terapia con augmentin! Io non sono così tranquilla però nel far passare tutto questo tempo considerata anche la febbre ed i brividi della bambina! Lei cosa mi consiglia? E poi, non so se è assurda un'ipotesi che mi gira in testa, e cioè : è possibile che qualche ossiuro sia migrato in vescica e vive lì indisturbato creando tutta questa situazione? Grazie

P.S. L'urinocoltura aveva evidenziato presenza di escherichia coli con una carica di 1.000.000.000
l'augmentin risulta sensibile

[#10] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Gli ossiuri non possono vivere in vescica.
E le infezioni vescicali da E. Coli sono molto frequenti nelle bambine anche perchè spesso non rispettano la regola di pulirsi prima la vulva e poi il sederino.
Questa si colonizza di E. coli e gli stessi devono fare un tratto brevissimo di uretra per entrare in vescica.
Veda come procede nella giornata di domani: se la febbre dovesse mantenersi alta con brivido potrebbe essere indispensabile ricorrere ad una terapia empirica ma cambiando antibiotico ed optando o per una cefalosporina orale o per una per via iniettiva.
Risomministrare l'Augmentin, che potrebbe aver selezionato dei germi resistenti, non mi pare una brillante idea.
Se viceversa la situazione si attenui, lunedì faccia l'urinocoltura in modo da identificare patogeno e carica batterica e da avere un ABG di riferimento.
La faccia bere molto in modo da effettuare una diluizione delle urine e alleviare i sintomi.
Ovviamente faccia presenti queste cose al pediatra.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#11] dopo  
Utente 427XXX

Dottore, la bambina ha già 38.6 a distanza di 3 ore dalla tachipirina, era scesa da 38.7 a 38 e ora risale. Ha tantissimi brividi e sarei propensa a somministrare l'antibiotico, ma non so quale? Oltre ad augmentin l'antibiogramma indicava sensibilità anche a cefotaxime,ceftazitime, cefepime,ertapenem,imipenem , gentamicina,ciprofloxacina,norfloxacina. Anche io non sono convinta che l'augmentin sia la scelta migliore considerato il primo fallimento! Oggi un pediatra mi ha detto che anche zinnat può essere una buona alternativa! Lei cosa mi consiglia come antibiotico vista anche l'antibiogramma? La pediatra di mia figlia già in fase di terapia con augmentin mi disse che se non dovesse passare dopo il primo ciclo ne rifaremo un altro uguale sempre con augmentin, quindi gia so cosa mi dirà anche se dovessi attendere lunedì.

[#12] dopo  
Utente 427XXX

In casa ho cefixoral sospensione granulare. Può andare bene?

[#13] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
le hanno messo nell'antibiogramma solo antibiotici iniettabili cefalosporinici.
La Cefixima ( il Cefixoral) può andare benissimo ma non poso darle io il placet per via telematica.
Quindi si senta con la curante e veda cosa ne pensa.
Se l'Augmentin ha fallito la prima volta tutti vogliono che fallisca anche la seconda?
Francamente non capisco la ratio dei ragionamenti, ma forse è un mio limite.

Buona serata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#14] dopo  
Utente 427XXX

Scusi forse ho mal inteso il discorso e avevo capito che anche Lei sosteneva che fosse meglio non ripetere augmentin! Cmq purtroppo la pediatra c'è lunedì pomeriggio e vista la febbre sempre più alta non saprei cosa fare nel frattempo. Se riesco a gestire la cosa fino a lunedì pomeriggio sarebbe meglio, altrimenti alle brutte ricomincero' con augmentin sperando di non sbagliare.

[#15] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
io capisco la sua ansia e forse la sua stanchezza, ma io ho detto esattamente che è irrazionale sostenere che l'Augmentin vada ripetuto una seconda volta dato che ha fallito la prima, anche perchè avrà sicuramente selezionato delle resistenze batteriche.
Dato che tutti le consigliano un secondo ciclo di Augmentin ho scritto
"Se l'Augmentin ha fallito la prima volta tutti vogliono che fallisca anche la seconda?
Francamente non capisco la ratio dei ragionamenti, ma forse è un mio limite."
Mi pare un pensiero trasparente come acqua di fonte.
Le ho detto anche che la cefixima è una buona alternativa ma che io non posso darle il transeat per via telematica quindi deve trovare un medico che autorizzi la somministrazione.
Questo è quanto.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#16] dopo  
Utente 427XXX

Ah allora avevo capito bene! Grazie dottore per la pazienza . Vedo come andrà la notte e domani e se fino a lunedì riusciamo ad evitare l'antibiotico ne parlerò con la pediatra, altrimenti darò cefixoral. Sono nel pallone

[#17] dopo  
Utente 427XXX

Buonasera dottore. Ieri notte la bambina è stata malissimo con febbre che nonostante il paracetamolo ogni 4 ore non scendeva sotto i 39 gradi con picchi a 39.8 e brividi intensi. L'ho quindi accompagnata la mattina presto al Bambin Gesù e ora è ricoverata lì. Le sono state eseguite analisi delle urine, sangue ed ecografia e l'idea è una pielonefrite. Ha iniziato dal pomeriggio la terapia endovena con rocefin ogni 24h. La febbre è sempre altissima e i brividi incessanti,ma per almeno un paio di giorni credo sarà così, nell'attesa che l'antibiotico faccia effetto. Grazie mille per i suoi consigli, ha contribuito molto anche Lei affinché io andassi a fondo e seguissi l'istinto.

[#18] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Mi tenga aggiornato.
Ci conto!

Carissimi saluti,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#19] dopo  
Utente 427XXX

Buonasera dottore! Oggi la mia bimba è stata dimessa. Visto che a distanza di oltre 30 ore dall'inizio della terapia con Rocefin la febbre e i brividi non passavano le è stata aggiunta terapia anche di amikacina e dopo qualche ora ha iniziato a sfebbrare. Ha fatto quindi 8 gg di rocefin e 6 di amikacina. Da domani iniziamo anche un ciclo di 5 gg con cefixoral 200 mg al dì per bocca e a distanza di 3-4 mesi dovremo rifare eco reni e visita di controllo! La diagnosi e' stata confermata e cioè pielonefrite, perché l'eco evidenziava incremento ecogenicita' corticale. In più c'è un po ' di ispessimento delle pareti vescicale che mi hanno detto si dovrebbe risolvere con un adeguata assunzione di liquidi e una rieducazione minzionale. Speriamo di aver risolto definitivamente perché è stato un incubo. La ringrazio ancora per i consigli ed il sostegno!

[#20] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla!
Ho fatto solo il mio dovere di buon medico.
Saluti a lei e un bacino alla piccola.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#21] dopo  
Utente 427XXX

Buonasera dottore. Eccomi di nuovo qua! Intanto Le dico che mia figlia ora sta meglio e proprio oggi ho portato le urine per l'esame fisico e per un'urinocoltura con antibiogramma per controllare la situazione. Le scrivo però per mio figlio di 2 anni e mezzo che mi fa attanagliare per via delle sue feci. Da circa una settimana trovo sia dei granelli duri e giallini (tipo frammenti di noccioline ) anche se non è presente nulla di così solido nella sua alimentazione questi granelli li trovo sempre! Inoltre ogni tanto trovo delle strutture ovali, piatte ,dure, gialline e con delle striature scure (tipo semi di zucca sgusciate )! Ho cercato un po ' nella rete e l'unica cosa simile che ho trovato sono le immagini della fasciola hepatica adulta, di cui però non ho idea quale sia l'aspetto delle uova! Sono molto preoccupata e sicuramente martedì richiedero' alla pediatra un'impegnativa per l'esame parassitologico delle feci, anche se dopo l'ultima esperienza con questo tipo di esame parto già scoraggiata (avevo portato le feci con gli ossiuri all'interno con tanto di provetta a parte con degli ossiuri isolati e vivi per ricevere l'esito: NEGATIVO! ). Mi scusi per l'ulteriore disturbo, ma sono veramente in pensiero. La ringrazio anticipatamente

[#22] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile signora,
io non so cosa mangi suo figlio ma mi sembra che quelli che ha riscontrato nelle feci siano residui alimentari.
La Fasciola Hepatica è davvero una ipotesi molto remota, direi anzi remotissima.
In ogni caso occorre che lei faccia un esame chimico fisico e parassitologico delle feci: è ovvio che se io fossi in Lei non mi rivolgerei al medesimo laboratorio della scorsa volta ma ne cercherei uno in cui ci sia almeno un Parassitologo con l'occhio allenato da anni di esperienza.
Nella sua città c'è un notissimo ospedale infettivologico: può adire quella struttura.
Ci faccia sapere, se vuole.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#23] dopo  
Utente 427XXX

Grazie dottore. Cambierò sicuramente laboratorio. Da quel che so io il laboratorio parassitologico c'è sia al Gemelli che al Bambin Gesù. Lei intende uno di questi o può consigliarmene un altro? Infine, Lei saprebbe descrivermi l'aspetto di un uovo di fasciola hepatica (o se quel che Le ho descritto somiglia a qualche altro parassita!) e saprebbe dirmi se quest'ultima può essere assintomatica? Grazie

[#24] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Le uova dei parassiti si vedono al microscopio.
Non credo che la sua vista abbia una tale risoluzione da poter vedere uova di Fasciola Hepatica senza ausili strumentali.
Per quanto riguarda il laboratorio può fare riferimento al Bambin Gesù, al Gemelli o alla Parassitologia dell'Ospedale Infettivologico Lazzaro Spallanzani.Sono tutti e tre validissimi.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#25] dopo  
Utente 427XXX

Grazie mille dottore, Lei è veramente fantastico! Le farò sapere.

[#26] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
A presto.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.