Utente 433XXX
Buongiorno,
vi scrivo in seguito a quanto accaduto questa mattina al lavoro.
Premetto che oggi mi trovo in un cantiere situato in un parco comunale, dove vi è la presenza di topi di campagna. Ho utilizzato, dalla cucina della baracca di cantiere, un coltello per mangiare del miele per alleviare il mal di gola che ho in questi giorni, il coltello è quindi venuto in contatto con la bocca svariate volte. Purtroppo, solo dopo poche ore ci siamo accorti che sulla mensola vi erano escrementi di topo. Qualcuno era anche presente all'interno della scatola (che non ha coperchio) dove sono riposte le posate, dove c'era anche il coltello che ho usato io, con il rischio che sia venuto a contatto con escremento di topo o altro.
Non ho notato sostanze liquide tra le posate (riconducibili quindi a urina). Non posso però essere sicura che questa non sia stata presente magari qualche giorno fa e ora sia asciugata.

Il mio medico di base dice di non preoccuparmi, visto che le feci non le ho ingerite.
Posso comunque stare tranquilla o sarebbe preferibile fare esami o chiedere antibiotico preventivo?
Inoltre, tra due giorni devo partire per una vacanza di 4 giorni, vorrei sapere se posso partire tranquilla.

Grazie per l'attenzione.
Martina

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
mi pare di capire che tutto l'assetto igienico della "cucina" lasci molto a desiderare.
Il rischio che lei possa avere contratto infezioni dalle feci di topo è molto remoto.
Ovviamente se dovesse manifestare febbre o altri sintomi non esiti a recarsi al P.S. della località dove andrà in vacanza, raccontando l'accaduto.
Io certezze assolute non gliene posso fornire.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.