Utente 416XXX
Salve vorrei dei chiarimenti in ordine al referto della mia RMN ADDOME PELVI senza mdc.
Premesso che mi fu diagnosticata malrotazione intestinale incompleta 10 anni fa portandomi una serie di subocclusioni sempre risolte senza alcun intervento . Da circa 8 mesi ho dolori lancinanti alla parte dx dell addome come se avessi appendicite ma Esclusa .
il 30 Novembre di quest'anno ho avuto un addome acuto con febbre a 39.8 indici di flogosi (pcr , neutrofili,birilubina tutti alti )sono stata ricoverata con sondino nasogastrico e rettale antibiotici e digiuno . Mi sono sbloccata dopo 6. Giorni e oggi ho il referto della RMN che espongo nelle parti salienti.
Colon traverso ptosico che decorre orizzontalmente ad occupare i quadranti superiori delle pelvi.Il cieco è situato in fossa illiaca destra .
Adesione tra parete mesenterica del colon ascendente ,immediatamente al di sopra della valvola ileocrcale e tra ultima ansa ileale e colon trasverso ptosico.
Le ultime anse ileali dislocate in ambito pelvico,hanno decorso più tortuoso ed angolato che di norma con adesione tra di loro al colon trasverso ptosico , ai foglietti peritoneali che posteriormente rivestono i settori più craniali delle regioni otturatorie , alla superficie posteriore dell'utero e quelle che occupano i settori più profondi e posteriori del Douglas aderiscono al legamento uterosacrale di destra ed alla parete anteriore del sigma .
Si alternano anse modicamente più distese da fluidi che di norma con livelli idroarei e tratti collabiti .
Il Mesentere afferente Alle ultime anse ileali così come il mesosigma sono ispessiti e striati per fenomeni fibroaderenziali che visto l'assenza di interventi chirurgici possono essere compatibili con aderenze endometriosiche .
Entrambe i legamenti uterosacrali sono retratti con fenomeni di trazione posteriore del collo dell'utero , raccorciati e ispessiti dai settori intermedi sino all'inserzione uterina , rilievo più rappresentato a destra .
Il legamento di sinistra come quello di dx è trazionato cranialmente verso un ispessimento fibrotico del foglietto peritoneale che posteriormente riveste l emipelvi , a dx medialmente verso alterazioni fibrotico lamellari che rivestono il parametrio destro ed i settori contigui del versante posteriore del legamento largo .
Bilateralmente ma più rapp.to a dx ispessimento del legamento inguinale e dei settori più laterali de legamento rotondo che a dx assume morfologia pseudonodulare .L'ovaio di destro é indovato nelle anse ileali.Varicocele parametriale.
Falda fluida nelle anse intestinali e scavo pelvico.
Qst è il risultato della mia RMN , a breve ho La visita dal chirurgo , ma come si è potuto creare un quadro così ? Dovrò fare resezione intestin? Per i legalmenti serve il neurochirurgo? Negativa a tanti esami per endo.Il liquido nelle anse a cs può essere dovuto? In laparoscopia si può fare tutto o laparotomia?É un intervento complesso ? Potete spiegarmi meglio la RMN ? I miei dolori sono spiegati ora?grazie

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Sembrerebbe ipotizzarsi un'endometriosi. Farei una visita ginecologica e quanto consigliera' il ginecologo. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 416XXX

So che si tratta di endometriosi perché me L ha confermata già un ginecologo specializzato in endometriosi ... io volevo sapere ciò che riguarda al chirurgo per l'intestino perché il ginecologo non fa resezione ma il chirurgo .
Per questo motivo ho posto qui la mia domanda .... un quadro che risulta dalla risonanza fa pensare ad una probabile resezione ? I miei dolori a destra sono spiegati dal referto riportato o devo cercare altre cause ? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Il problema va gestito in modo multidisciplinare dal ginecologo e dal chirurgo e l'eventuale intervento eseguito insieme.I dolori sono compatibili con quanto descritto ma atlre cause non possono essere escluse. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it