Utente 702XXX
Buona sera, sono Nella, purtroppo sono dinuovo qui a chioedere un consulto, era gia da un po che non avevo problemi ma purtroppo quando capoita, non mi fccio mancare mai nulla, pertanto andro qui di seguito a raccontare quello che mi è successo:
Da premettere che lavoro all'interno di un reparto ospedaliero con funzioni amministrative, ed era gia da un po di giorno che non stavo bene, perrtanto dal mio Medico curante mi facevo prescrivere una serie di analisi tra cui l'esame delle urine normali e le colturali, questo è avvenuto in data 24 ottobre 2016 e in data 31 quando sono andata a ritirare l'esito mi sono trovato la seguente sortpresa:
Urino cultura positiva con una infesione di klebsiella pneumoniae, con carica batterica 1.000.000;
Estrerasi Leucocitaria positiva con valori pari a 500;
Leucociti positive con valore 357;
Alanina amninotransferasi positive valore 41;
Gamma glutammiltransferasi positive valore 37:
Colesterolo positivo valore 237;
Trigligeridi positivi valori 283;
Glucosio positivo valore 107.
Ho voluto solo elencare i valori alti in quanto il resto degli esami sono nella norma, da premettere che io ogni 3/4 mesi eseguo l'urinocultira in quanto ho già avuto una Setticemia 2009 da Escherichia Coli e l'ultima controllo a Maggio di quest'anno, delle urine erano normali, cioè senza alcuna carica batterica, a seguito di questo infezione ho consultato un Urologo che mi ha prescritto Ciproxsin 1000, ma non capisco come mai dopo dopo 4 giorni di antibiotico adesso sto male e cioè ho tanto dolore ai muscoli delle gambe con difficolta nei movimento e male alle caviglie, alle ginocchia, con dolori anche allo stomaco con perdita di appetito, e inoltre non urino molto.
Per quanto sopra raccontato, chiedo cortesemente che mi venga data una spiegazione se questo tipo di infezione, mi possa provocare dei danni fisi, o qualche menomazione, essendo una brutta infezione dura da debellare con il rischio di infettare chi mi potrebbe stare anche vicino, io penso che questa infezione io l'abbia contratta in ambito Ospedaliero.
Ringraziandovi per la cortese attenzione che mi volete dedicare, porgo distinti saluto e buon lavoro, Nella.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
credo che con l'identificazione del patogeno (la Klebsiella Pneumoniae) le sia stato fornito anche un ABG e voglio sperare che la Ciprofloxacina fosse compresa tra gli antibiotici a cui il germe risultava più sensibile.
Ciò premesso, non amo le formulazioni a rilascio prolungato bella terapia delle infezioni: una somministrazione di ciprofloxacina di 750mgx2 al giorno avrebbe sortito più efficacia e maggiore garanzia di sterilizzazione delle urine e di prevenzione di una pielonefrite.
Ma questo è il mio pensiero.
In quanto ai dolori muscolari e articolari, sono frequenti con la Cipro: possono associarsi anche vertigini cefalea.
Probabilmente, ma questo io non posso saperlo, erano presenti antibiotici iniettabili (la K.P. è molto sensibile alla associazione Piperacillina/tazobactam) che avrebbero potuto essere usati in alternativa: in chi ha avuto una sepsi da E. Coli è meglio aggredire il patogeno con l'artiglieria pesante piuttosto che con una bomba carta.
In quanto al rischio di infettare chi le è vicino: è un rischio sostanzialmente inesistente dato che lei urina in una water e dopo effettua lo "scarico".
Beva molto piuttosto durante l'assunzione della Cipro. per preservare la funzionalità renale.
Non credo proprio che la sua sia una infezione nosocomiale: la Klebsiella peumoniae è un entrobatterio che può tranquillamente passare dall'intestino alle vie urinarie.

Per ora curi la IVU: delle transaminasi e dei trigliceridi parleremo quando la situazione attuale sarà risolta.
Se vorrà, ovviamente.

Serena notte.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 702XXX

Grazie Dot.Vincenzo Caldarola, Le sono molto grata del suo premuroso intervento, La informo che la Ciproxin era tra i farmaci consigliati, inoltre io dovrei fare la cura per 7/10 giorni e spero che la cosa si risolva comunque sarà mio interesse farle sapere come si evolve la situazione, una cordiale saluto Nella.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Buongiorno Cara Nella.
Aspetto sue notizie.

Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.