Utente 175XXX
Gentilissimo dottore,
seguo a scuola in sostegno un bambino di 8 anni con esiti di infezione congenita di CMV accertata da esami strumentali e di laboratorio. Le attività che svolgiamo sono prevalentemente a tavolino, schede, esercizi al banco. L'unica cosa che ho letto circa i suoi esami di controllo risale a 6 anni fa con sangue su guthrie DNA qualitativoGC Positivo.
Non sono a conoscenza di dati attuali.
Sto cercando attualmente una seconda gravidanza e mi chiedevo come comportarmi se dovessi restare incinta. Questo bambino è solo portatore di anticorpi o è in grado di contagiarmi con virus comunque presente nel suo organismo?
che misure devo prendere? è necessaria la sospensione di questa attività?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la cosa più saggia è valutare il suo titolo anticorpale contro il CMV, quindi fare il complesso TORCH già adesso presso un laboratorio che faccia questo esame con serietà e scrupolo.
Se è positiva alle IgG contro CMV non corre rischi di sorta.
Se è negativa, poichè il bambino può essere contagiante e lei non può imporgli una valutazione della carica virale, quando deciderà di concepire credo che sia saggio evitare potenziali rischi di infezioni in gravidanza.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.