Utente 430XXX
Salve sono un ragazzo di 19 che il 1 dicembre ha avuto un rapporto anale con un uomo (trans), durante il rapporto il preservativo si è rotto, ed è lì che iniziata la paura, sono corso a casa a lavarmi e poi sono andato in un centro di depistaggio anonimo, li una dottoressa davvero gentile mi ha capito e aiutato e mi ha prescritto una terapia di STIRIBILD per un mese, ho fatto i prelievi e visto anche una psicologa dato il mio stato davvero allarmante, ora sono 4 giorni che seguo la terapia. E la prima pillola di STIRIBILD L'ho assunta 3 ore e mezza dopo il rapporto.La mia attuale situazione clinica secondo il test rapido dell'HIV sono negativo e il test rappresenta tutti i rapporti avuti 3 mesi avanti ed ho avuto la mononucleosi 1 anno fa. È una giusta terapia, visto che non si sa se ho qualcosa o meno? Posso aiutare la terapia attuando dei comportamenti più corretti per quanto riguarda l'alimentazione, le sigarette e tutto il resto ? Ho tante possibilità di avere contratto qualche malattia ? La terapia quanto aiuta a prevenire il grave virus ? Giovedì rivedrò la dottoressa...
Sono davvero preoccupato...
Grazie mille in una vostra risposta

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
La Collega del centro MST (non vi è da depistare alcunchè non è mica un assassino) o del PS le ha prescritto una PeP corretta per un teriodo di tempo congruo.
Considerando che la prima compressa è stata assunta dopo 3 ore dal rapporto a rischio, la possibilità di successo sempre che il trans fosse HIV positivo, è molto alta. Altissima.
Mi chiede come può aiutare l'organismo non farmacologicamente: smetta di fumare, adesso!
Così resterà sieronegativo e toglierà l'ipoteca del fumo dalla sua vita.
La terapia è ben tollerata tranne che per eventuali eruzioni cutanee che riferirà alla collega e che non importano l'obbligo di sospendere la terapia.
Controlli la sua ansia o chieda un consuelling psicologico.

Cordialità,
Dott. Caldarola.


Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Grazie mille dottore! Non può capire come mi ha rassicurato, io ero l'attivo nel rapporto, e posso sapere dove possono uscire questi sfoghi? Ci possono essere complicanze con l'erezione perché oggi ho sentito come se mancava di potenza? Premetto che con la mia ragazza evito totalmente i rapporti (fino a quando resisteremo) altrimenti solo rapporti protetti con preservativo, le ho detto che mi sono punto con un ago in metro e perciò sto facendo la terapia

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Prego,
la eruzione cutanea non è obbligatoria e non ha una sede preferenziale.
In quanto al calo della vis erigendi ritengo che sia legato più al problema stress che sta vivendo che alla terapia.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 430XXX

Grazie! Dottore mi scusi ultima domanda lo giuro posso fare una sauna nella mia situazione clinica ?

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Perchè giura?
Che non andrà alla sauna per scopi che non siamo quelli di sudare?
A parte che "exusatio non petita accusatio manifesta" le sconsiglio, in corso di una terapia che può indurre di per sè eruzioni cutanee, di andare a sudare in ambienti promiscui.
Faccia una doccia tiepida con un detergente delicato a casa che le gioverà molto di più.
Fermo restando che essendo maggiorenne la scelta finale spetta a lei.

Saluti cordiali
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 430XXX

Grazie mille dottore!

[#7] dopo  
Utente 430XXX

Dottore salve, volevo chiederle se decalando la terapia PeP di 10 minuti, la rende meno efficace ?

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
No, nel modo più assoluto.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#9] dopo  
Utente 430XXX

Grazie mille dottore e buone feste

[#10] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Anche a Lei Buon Anno!
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#11] dopo  
Utente 430XXX

Dottore buonasera dopo 2 giorni dalla sospensione della terapia mi ritrovo con un mal di gola, può essere un sintomo ?

[#12] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Certamente......di una delle forme virali che circolano in questo periodo.
:-)
Buon Anno!
Dott. Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#13] dopo  
Utente 430XXX

Dottore Buon anni pure a lei, le ho detto questo perche quando ho chiesto a la dottoressa se potevo avere sintomi mi ha detto che si potevano manifestare alla fine della terapia PeP, lei pensa che non devo preoccuparmi per nessuna ragione? Non ci sono rischi neanche dell'1%? La ringrazio anticipatamente

[#14] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
niente nella vita è a rischio zero.
Tenga in mente questo concetto e tutto le apparirà più chiaro.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#15] dopo  
Utente 430XXX

Però più o meno se parliamo di percentuali quali sono le possibilità di essere contagiato?

[#16] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Scusi,
ma preferisce che la prenda in giro? Dandole delle percentuali statistiche sul fallimento della PeP per incrementare la sua ansia?
Lei parta dal presupposto che una PeP iniziata tempestivamente e ben condotta riduce drasticamente il rischio di infezione da HIV. Questo è il razionale alla base della PeP.
Intanto piuttosto che disquisire di percentuali faccia il test HIV di IV generazione.
Buona giornata.
Dott.Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#17] dopo  
Utente 430XXX

Okay dottore Grazie il 30 lo farò

[#18] dopo  
Utente 430XXX

Salve dottore come va ? La volevo tenere aggiornata e porle un ulteriore domanda. Il test a 60 giorni dal rischio e a 30 della fine del trattamento è negativo, ora tra 2 mesi devo fare il test rapido per conferma, posso stare tranquillo? Poi un altro domanda, la fellazione passiva non protetta comporta rischi?

[#19] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Utente,
esegua nel suo interesse il test di conferma in Laboratorio e lasci stare la Farmacia e la Mylan.
Credo comunque che lei possa stare tranquillo.
La fellatio se è protetta non comporta rischi per HIV e HBV: è quello che giornalmente ripetiamo fino alla noia (nostra prima che dell'utenza) ma che viene puntualmente ignorata.
Buona serata.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#20] dopo  
Utente 430XXX

Grazie per la risposta dottore ma volevo sapere se la fellatio passiva non protetta comportava dei rischi

[#21] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Avevo letto male.
Certo che è rischiosa!
Lo scopre adesso?
Pene nella sua bocca rischio medio; con eiaculazione rischio alto.
Pene nella bocca di qualcun altro/a rischio basso per HIV, NON NULLO! Rischio medio per tutte le altre MST.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#22] dopo  
Utente 430XXX

Ah okay perché a l'ospedale mi hanno detto che posso ricevere fellatio non protetta dalla mia ragazza perché non ci sono rischi, ci deve essere solo un emorragia nella sua bocca, grazie mille per la sua risposta

[#23] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.