Utente 281XXX
Buonasera,
con la presente intendevo avere una consulenza: io attualmente sono sono hiv+ con copie virali RNA num 33 quindi molto vicino allo zero?Prendo antiretrovirali da sett 2015.La mia compagna è negativa con anni 44! Non possiamo accedere alla struttura pubblica per la fecondazione assistita.Poiche abbiamo il desiderio di diventare genitori...secondo Voi si puo provare in maniera naturale anche se non sono proprio a zero di copie di rna? Ci sarebbero rischi ?---E' doveroso aggiungere che due anni fa non sapevo di essere Hiv+ invece lo ero di fatto con copie RNA decisamente molto molto alte , e,avendo avuto spesso rapporti non protetti con la mia compagna (nell'anno in cui appunto avevo hiv ma non lo sapevo)con eiaculazione interna perchè volevamo provare ad avere un bimbo e addirittura una volta/due c'è pure stato contatto tra mio sperma e suo sangue; Bene, Lei fortunatamente non ha contratto il virus e anche per mia fortuna altrimenti avrei vissuto ancora peggio questa faccenda.
Riepilogando: Cosa fareste nei miei e nostri panni?Quale secondo voi la soluzione piu opportuna da adottare?
Grazie mille...
Un saluto cordiale.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
che sia andata bene la prima volta è una pura causalità.
Nelle coppie eterodiscordanti e possibile il concepimento con rischio pressocchè nullo in presenza di requisiti specifici:
-la persona con Hiv è in terapia con carica virale NON RILEVABILE da almeno 6 mesi;
- i farmaci antiretrovirali sono assunti con regolarità ASSOLUTA
- i due partner non presentano lesioni alle mucose genitali causate da un’altra infezione a trasmissione sessuale.
Può essere di aiuto anche il ricorso a tests per l'individuazione dei giorni fertili al fine di evitare un overload di rapporti non protetti.

Nel suo caso il primo prerequisito non è rispettato, perchè ancorchè lei abbia 33 copie/ml il virus continua a replicarsi.
Il che è in primo luogo un problema da discutere con l'infettivologo che la segue.
La programmazione di una gravidanza nel vostro caso, non può pertanto prescindere dal nulla osta dell'Infettivologo, del Ginecologo e del Dermatologo che escluda in lei patologie delle mucose genitali.

Cordialità,
Dott. Caldarola.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.