Utente 430XXX
Buon giorno e buon anno gentilì dottori.

Premetto che non ho nulla contro i vaccini e ho fatto tutto quello disponibili durante l'infanzia o insomma quando ero piccoli.

In questi giorni si parla del vaccino per la meningite .

Leggendo articoli in Internet però vedo che ci sono vari ceppi A/B/C/W/Y ( questi ho trovato )

Quindi vi chiedo :
1)il vaccino quali copre ?
2) per quali ha senso vaccinarsi ?
3) ogni quanto poi deve essere fatto un richiamo ?





Chiudo dicendo che non ho capito se questa corsa al vaccino per la meningite sia sensata o sia una fobia generale ( parlo per la Lombardia che non dovrebbe essere una zona in cui la meningite è endemica , o sbaglio ? Correggetemi per favore ) dato che leggo che non vi è alcuna epidemia e i dati sono in linea con gli altri anni
Mi riferisco ovviamente solo alla meningite , sono consapevole del preoccupante calo di vaccinazioni per altre patologie dovuto al circolare di idee quanto meno opinabili( per non offendere nessuno )


Grazie in anticipo

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
se lei ritiene, giustamente, che non vi sia una epidemia di Meningoencefalite Meningococcica, ma focolai endemici specie in Toscana, sui quali speculano i mass media, perchè vuole vaccinarsi?
Coerentemente dovrebbe stare tranquillo.
Io sono tra i Medici che ritengono che ci si debba inchinare davanti alla scoperta della pratica vaccinale che ha fatto diventare rare malattie come la polio, la Difterite, il Tetano, per citarne alcune, e ha fatto scomparire dalla Terra il Vaiolo.
Tornando alla sua vaccinazione: i ceppi che circolano in italia sono quello C e quello B: è contro questi che bisogna vaccinarsi con almeno due dosi per ciascun ceppo.
Altri ceppi sono indicati se si deve viaggiare in Asia o in Africa dove sono normalmente circolanti.
La protezione vaccinale indotta andrebbe richiamata ogni 4 - 5 anni.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Egregio Dottore,

La ringrazio per la precisa , concisa , razionale e gentile risposta.

Mi scusi se aggiungo una cosa che prima non ho detto : se appartenessi ( ora e molto di più ,spero ,in futuro )all'ambito sanitario e avessi modo di entrare in contatto con tanti pazienti , la vaccinazione sarebbe raccomandata ? Sempre in Italia .

Scusi il disturbo .

Grazie ancora

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Sarebbe una sua scelta. Che se le inducesse maggiore tranquillità nello svolgimento delle sue mansioni mi sentirei di raccomandarle.

Serena notte,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.