Utente 354XXX
Buonasera. Allarmato dai casi di meningite che ormai si sentono quotidianamente, vorrei dei consigli medici su come riconoscerla.
Il medico di famiglia mi ha detto che non si corrono particolari rischi se non si è bambini o adolescenti, visto che sono le fasce più a rischio contagio, da quel che si sente in giro.
Da un po' di giorni ho dolori alla parte bassa del collo, con lieve sentore di male alle orecchie, come ha riscontrato il mio medico, all'orecchio medio, ma non un dolore fisso. Ho naso che cola , non sempre, di norma quando sento un po' freddo o se esco. Sento la gola come "raschiata" ma non ho tosse persistente. Sovente ho piedi freddi, ed alle volte anche mani fredde. Non ho febbre fino ad ora e non ho un mal di testa particolarmente rilevante. Volevo sapere quali sono i sintomi tipici e indiscutibili del meningococco C? Qualora dovessi avere febbre a 38 ma senza rigidità al collo e senza mal di testa, dovrei ugualmente chiamare il 118 solo per la febbre?
Si sente di gente che muore perché arrivata tardi all'ospedale. Io non mi sono ancora vaccinato poiché ho 33 anni e so di dover lasciare il passo dapprima ai bimbi ed agli adolescenti, poi fra uno o due mesi che passi la psicosi che vi è in giro, allora mi vaccinerò.
Volevo quindi chiedere se posso star tranquillo andando normalmente per negozi, stare a contatto con la gente, o comunque debbo avere delle precauzioni in merito? Non voglio che una malattia che vi è da duemila anni e più , e sempre presente, possa interferire con la mia normale vita.
Che rischio vi è di un contagio? Io l'altro ieri, sabato, sono stato alla Guardia Medica dietro casa mia e c'erano 20 - 25 se non più persone che tossivano, ed una donna aveva 40 di febbre. Sono dovuto rimanere lì perché ero con la mia ragazza e l'ambiente non era grande. Subito ho pensato di essere stato contagiato (lo so è paranoia, ipocondria), solo perché la gente tossiva. Sono stato lì per un' ora e mezza.
Mi misuro la febbre in continuazione e se vedo che da 36,2 sale a 36,7 subito mi allarmo perché penso stia salendo di brutto, e se poi accompagnato da un lieve mal di testa,allora penso che stia sfociando una meningite. Leggo di "rigidità nucale"...mi spiegate cosa si intende? Io sovente ho mal di collo giacché ho problemi di postura stando seduto e quindi di cervicale alle volte. Se ora piego la testa in avanti sento che alla base del collo ed alla parte sinistra dello stesso mi tira e sento dolore, ma con il mento riesco a toccare il petto, anche se ovviamente debbo sforzarmi per farlo (ho un mento normale ).
I miei sintomi possono essere dovuti al tempo?

Grazie tante.
Buona serata

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Utente,
ringrazi chi ha fatto esplodere questa epidemia di psicosi meningitica, dato che non c'è nessuna epidemia di meningite.
Se ha mal di gola se lo curi e viva tranquillamente come ha vissuto negli anni scorsi.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 354XXX

Grazie dottore, scusi se le rispondo ora ma ho visto solo adesso il messaggio.
Una domanda dottore: nell'esempio che lo ho descritto ieri della Guardia Medica, dove sabato sono stato per un'ora e mezza con la mia ragazza e con gente tutta attorno che tossiva e starnutiva, vi fu qualche pericolo? stamane sono andato e torno ora dalla Posta, e dietro di me una signora anziana tossiva in continuazione...essendo ipocondriaco ho pensato subito che mi avesse contagiato e pippe mentali varie...
Vi è qualche pericolo? giacché non so esattamente come avviene il vero e proprio contagio e quali sono i sintomi nello specifico.

Grazie nuovamente
buona giornata

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signore,
siamo in piena epidemia influenzale e non invece in una condizione di Meningite epidemica.
Quindi le "pippe" mentali veda di ridurle e di condurre una vita normale, fino a quando non sarà proclamato uno stato di emergenza sanitaria per meningite epidemica o pandemica.
Il che è davvero molto inverosimile.
Poi,se proprio vuole stare tranquillo, si ricordi che c'è sempre la vaccinazione antimeningococcica.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 354XXX

Grazie nuovamente dottore.
PS, in situazioni come quelle che le ho sopra descritto, quante possibilità si ha di ammalarsi? di essere contagiati.

Grazie dottore
buona giornata

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Scarsissime.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 354XXX

Gentilmente dottore potrebbe, quando ha tempo, spiegarmi perché scarse? non capisco nulla di queste cose purtroppo.
Grazie.
Buona giornata anche a Lei dottore e grazie di tutto

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Ma scusi è come se lei mi chiedesse: dottore oggi quante probabilità ho di essere tamponato?
Che cosa crede che le risponderei: molto basse, tendenti allo zero.
E se poi lei mi chidesse e perchè molto basse e tendenti allo zero?
Le direi perchè tra i milioni di persone che guidano la possibilità statistica di essere tamponato è molto diluita.
Lo stesso discorso vale per la meningite e per qualunque altra malattia infettiva in periodo non epidemico: e noi siamo appunto in periodo non epidemico.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 354XXX

Grazie dottore di tutto e delle risposte.

Le auguro buona giornata e buon lavoro...e buon anno ovviamente