Utente 552XXX
Egregi dottori,

Vorrei sapere se in caso di un'infezione cronica, attiva, i valori della VES e della proteina C reattiva possono essere considerati altrettanto indicativi e rilevanti che nel caso di un'infezione acuta.
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
VES e PCR sono indici aspecifici di infiammazione e/o infezione , che possono essere presenti sia in caso acuto che cronico
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 552XXX

Dunque, un'infezione cronica può celarsi dietro a indici di flogosi e/o infezione non alterati, che, apparentemente, non denuncerebbero uno stato patologico?
La ringrazio della Sua cortese attenzione e Le porgo distinti saluti.

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Mi scuso poichè manca un "aumentati" nella mia precedente risposta: VES e PCR aumentati ( al di fuori dei valori di normalità ) possono essere presenti sia in caso di infiammazione infezione acuta che cronica
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 552XXX

In assenza di un aumento della VES e della PCR è assolutamente da escludere un'infezione cronica?
Le chiedo gentilmente quest'ultima precisazione e La ringrazio nuovamente.

[#5] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
No, non si può in medicina escludere a priori che vi sia un'infezione senza aumento di VES e PCR, perchè, comunque tanti sono gli indici di infiammazione, ma nessun medico fà diagnosi di infiammazione e/o infezione solo per aumento di VES o PCR che sono e rimangono indici aspecifici
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 552XXX

Capisco che non è una condizione "sine qua non" l'aumento degli indici di flogosi per poter denunciare un'infezione cronica.
Recentemente mi è stato asportato un papilloma dell'esofago durante una EGDS. Secondo Lei, dott. Baraldi, è ipotizzabile un agente causale virale, che potrebbe aver causato una lesione del genere, in una sede come l'esofago?
La ringrazio per tutte le Sue risposte.
Distinti saluti!