Utente 430XXX
Salve, circa una settimana fa, ho contratto il virus intestinale (vomito, diarrea), dopo circa 6 giorni ci siamo visti con il mio ragazzo, e oggi è stato male anche lui. E' possibile che gli abbia trasmesso il virus, nonostante io sia stata meglio? Inoltre vorrei sapere: è possibile che stando a contatto con lui, possa esserci il rischio di riprenderlo io? Se sì, per quanti giorni è consigliato non stare in contatto, o quali metodi adottare per evitare una ricaduta? Scusate le domande, ma il vomito è una cosa che non riesco proprio a tollerare, e sono un po' in ansia.
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
non credo che lei sia stata "l'untrice" del suo ragazzo. Che probabilmente stava incubando la forma virale a tropismo gastro intestinale che sta girando.
Se si tratta dello stesso virus ovviamente lei non può riprenderla.
Se si tratta di virus diversi lei è esposta al contagio.
La modalità di trasmissione principale è la via oro -fecale: una buona igiene delle mani dopo essere andati in bagno e dei sanitari riducono moltissimo il rischio di traqsmissione di queste forme.
Cari saluti.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Gentile dott. Caldarola, grazie per la risposta.
I sintomi che abbiamo avuto entrambi sono diversi fra loro. Io ho avuto solo un episodio di vomito e diarrea, mentre il mio ragazzo ha vomitato più volte, ha la febbre ma non ha diarrea, questo potrebbe significare che si tratta di virus diversi? Inoltre, ho letto in giro che, il virus si trasmette anche a distanza di una settimana dalla guarigione e tramite saliva, quindi anche con un bacio ci può essere tale rischio? Vorrei andare a trovarlo, ma giuro che ho il terrore di riprenderlo e non ci riesco...
Mi scuso per le ulteriori domande e le paranoie, ma vorrei evitare di entrare in un circolo vizioso.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
che le devo dire.....Lo faccia stare in quarantena. Lo bacerà tra 14 gg.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.