Utente 456XXX
Salve e innanzitutto grazie per la vostra disponibilità ed il vostro tempo.
Ecco la mia storia: al termine di un rapporto sessuale protetto, il mio partner ha voluto eiacularmi nelle mani. Ho tentato di impedirlo, ma non ci sono riuscita. Premetto che avendo il vizio di mangiarmi le unghie, spesso ho piccole ferite sulle mani. Nello specifico dopo il suddetto rapporto, ho notato una fessurazione di qualche millimetro alla base di un'unghia che mi sono procurata tirando con i denti un lembo di carne (ferita di un paio di giorni prima, ancora aperta in quanto con i margini distaccati e di una certa profonditá, ma non sanguinante). Inoltre ho notato di avere dolore al pollice in seguito al fatto che mi sono strappata un po' di pelle ed un piccolo pezzo di unghia (ferita dolorante, ma non sanguinante). A questo vanno aggiunte varie pellicine intorno alle dita piú o meno rimarginate e doloranti, che lasciano la pelle a vivo, ma non sanguinanti.
La mia domanda è: che tipo di rischi ho corso? Hiv, hbv, hcv, sifilide, altre malattie sessualmente trasmissibili?
Grazie mille in anticipo.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la presenza di lesioni di continuità accuratamente descritte sulle mani certamente avrebbe consigliato che l'eiaculazione avvenisse altrove, magari in terra.
Il rischio è basso ma se lei mi parla di fissurazioni aperte nelle quali può essere penetrato lo sperma del suo partner, ciò ha vanificato la protezione garantita dal profilattico.
Le consiglio di rivolgersi ad un centro per MST della sua bella città, che sia funzionante, dove colleghi esperti potranno prendere contezza del suo caso e consigliarle, dopo aver visto queste ferite, gli esami più opportuni ai tempi codificati.
Il tutto nel rispetto della sua privacy.
Diversamente può rivolgersi ad un Infettivologo o ad un dermatologo di sua fiducia.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 456XXX

La ringrazio per la gentilezza e la prontezza nel rispondere.
Credevo i rischi fossero quasi nulli perché le ferite non erano sanguinanti e non appena fatte. Sono davvero in ansia, faró come mi consiglia.
Grazie ancora.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.