Utente 101XXX
Buongiorno,sono un ragazzo di 22 anni,circa 2 mesi fa ho avuto diarrea e vomito per 2 giorni,con febbre a 38.Il terzo giorno mi è rimasta qualche linea di febbre che mi sono portato fino ad oggi.La febbre osccila da 36,8 a 37,3 e compare in genere in tardo pomeriio per scomparire dopo cena.Da primo ho fatto i classioci analisi di toxoplasmosi,mononucleosi e citomegalovirus....Tutto negativo solo la mononucleosi che ho avuto in passato.Il taso era alto ma dal tampone anch esso è risultato gia combattuo.Sono stato addirittura ricoverato in seguito alla mia debolezza e continua febbre..In ospedale mi hanno fatto tantissii esami e solo pochi sono risultati fuori i normali valori, ma solo per pochissimo.Cosi non avendo trovato il problema mi hanno dimesso con la febbre.I valori sono questi:MPV:9(9,1-13,1)COMPLEMENTO C4: 16(20-59)tiroxina libera(FT4):0,80(0,89-1,76)GAMMA GT :6(8-61).
Gli altri valori classcici da infezione come VES,PROTEINA CREATTIVA,sono perfettamente nella norma!!
Dopo tutti questi accertamenti e la mia febbre persiste le chiedo se è possibile essere stato contagiato dal virus dell'HIV ,oppure,dopo tutti questi analisi qualche valore "chiave" sballato doveva venire fuori!
Ho molta paura e non s piu cosa fare....
La ringrazio vivamente .
A presto

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
ritiene di aver avuto dei rapporti a rischio HIV? Quanto tempo fa?
E' sicuro che durante il ricovero non abbiano effettuato tali analisi?
Le rivolgo tali domande perchè è lei stesso a nutrire dubbi in merito, mi faccia sapere.
Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 101XXX

La ringrazio per ora gentile dottore.
Personalmente non ho avuto grandi rapporti a rischio,ma sono sicuro che il test hiv non l'ho fatto all'ospedale perchè sono sicuro che devono choeere l'autorizzazion al paziente.
Sono le mie paure che dopo aver fatto tutte queste esami mi hanno fatto pensare a tutto,io le chiedo se dalle esami che ho fatto poteva risultare qualche valore chiave!!Ho letto che i sintomi dell' hiv in genere durano pochi giorni(compresa febbre)però ho tanta paura.L 'ultima cosa che mi è venuta in mente in questi giorni è che io circaa 3 settimane prima ho fatto il vaccino antinfluenzale(sono uno sportivo).
Potrebbe influire anch'esso sulla mi febbre se pur scaturitasi 3 settimane dopo?
In attesa delle sue gentili risposte le porgo cordiali saluti e la ringrazio ancora.

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Credo proprio che sia il suo stato d'ansia perticolarmente marcato a farle sospettare situazioni estreme; dalle analisi non risultano indicazioni 'chiave' per il suo stato di salute ed escluderei anche la reazione al vaccino dopo tre settimane.
Come ipotesi forse la riacutizzazione del virus della mononucleosi...? parla di tassi elevati...e anche se non lo fossero tale evento non si può escludere.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#4] dopo  
Utente 101XXX

non risultare situazioni chiave per lo stato di salute intende che va tutto bene? Un altra domanda :se mi sottopongo ad analisi del sangue riguardanti ena ed ana(so che rivelano una malattia autoimmune)avrò indicazioni fondamentali per un eventuale contagio hiv?a presto e ancora grazie!!!

[#5] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Le variazioni riportate non sono suggestive di particolari malattie;
dalle analisi per controllare l'assetto immunitario non si evincono dati per la positività all'Hiv (è bene comunque che le prescriva un reumatologo-immunologo, non si limitano ad ena e ana).
Saluti.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#6] dopo  
Utente 101XXX

caro dottore , stamani mi sono arrivate le risposte deglle analisi,oltre a ricontrollare il complemento c3:98(83-177)e il omplemento c4:16(20-59), ho fatto gli esami ena ed ana.Non so se rigurdano tutti questi valori che ora citerò e a cui lei si riferiva ieri per completare l'assetto immunitario.

esito vaore di riferimento



SSA Ro 52 assenti assenti
SSA Ro 60
SSB La
CENP B
Scl-70
Jo 1
P ribosomiale
Istoni
RNP/sm
Sm
P-Scl
PCNA
Nucleosomi
AMA-M2

AC.Anti-NUCLEO PRESENTI assenti

fluorenscenza di tipo fine granulare(1/320);cromosomi
metafasici(++--)


Ac.Anti-DNA NATIVO assenti assenti
Ac.Ati-ENDOMISIO IgA




RIEPILOGO:
questi analisi hanno competato l'assetto immunitario di cui parlava?
Il valore AC.Anti-NUCLEO indica la presenza di malattie autoimmuni?
La prego mi risponda con la sua più totale schiettezza anche se ho tanta paura!!
Io penso di non aver avuto rapporti rischiosi ma dopo questo esito inizio davvero ad vere forti dubbi, e anche prima di fare un eventual test volevo accertarmi di alcune cose.
La ringrazio ancora .... A presto

[#7] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Alla luce dei dati riportati insisto nel dirle che questi non alimentano alcun sospetto nei confronti di malattie sessualmente trasmissibili; lo specialista che la sta seguendo potrà mettere eventualmente in relazione le variazioni di laboratorio presenti con il suo stato clinico generale.
Mi aggiorni con le conclusioni del collega.
Saluti.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#8] dopo  
Utente 101XXX

Altre informazioni sempre importanti sono:


rapporto cd4/cd8 invertito (cd8 sopra i valori max)

anti clamidia:16 val.riferimento:negativo(minore di 8)



Ora sono davvero preoccupato e in proposito voglio farli specifiche domande.

1 il rapporto invertito è possibile anche in assenza di hiv+?

2 AC.Anti nucleo indica a presenza di una malatti autoimmune?

3 In base all all esito, ho la clamidia?



La ringrazio ancora.

[#9] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Le rispondo:
1 - il numero assoluto di CD4 è un valore piuttosto variabile e preso da solo significa poco; ha grande senso nella valutazione delle condizioni cliniche e della terapia in pazienti sieropositivi (ed in questo caso è significativa la diminuzione dei valori più che l'aumento dei CD8) quindi la risposta alla sua domanda potrebbe essere si, quando presenti alterazioni del s. immunitario (ana);
2 - no, esistono anche falsi positivi da considerare e comunque un valore di laboratorio alterato non significa malattia clinicamente espressa (questa risposta la può dare solamente lo specialista che la visita, la sta curando e valuta il quadro completo);
3 - esito positivo per ricerca ac. anti Clamidia mi dice che un'infezione c'è (il metodo di ricerca è importante): chieda se questo dato può giustificare il quadro generale e forse...abbiamo risolto il suo caso.
A presto.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#10] dopo  
Utente 101XXX

Grazie dottore.L'unico problema è che il mio specialista lo vedo tra 6 girni nel frattempo volevo togliermi alcuni dubbi.

Il mio rapporto invertito è causa di aumento di cd8.
Questo è un buon segno inbase alla mia paura "hiv"?


In base a quabto lei ha detto io ho alterazioni ana?
In un hiv+ non si ha?



L hiv è una malattie autoimmune o no?(ci sono molte contraddizioni su internet).
E la clamidia lo è?

A presto e speriamo davvero che la mia paura finisc ad una semplice cura antibiotica anti clamidia.ciao e grazie infinite..




[#11] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'aumento dei CD8 non è diagnostico per aids;
lei mi ha scritto di avere Ac. anti nucleo presenti (titolo?);
nell'aids le alterazioni degli ana non sono obbligatorie;
l'aids non si può definire malattia autoimmunitaria;
la clamidia è un parassita, non è indicativa di mal. autoimmunitaria.
A presto.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#12] dopo  
Utente 101XXX

La ringrazio ancora prima di iniziare il dialogo per la sua grande disponibilità!

Ora quindi le chiedo?

Riguardo Ac.anti nucleo non so se è il titolo , nelle analisi ci sono scritte testuali parole:Ac anti nucleo presenti.Esso significa alterazioni ana?
Cioè in generale alterazione del sistema immunitario?

Per alterazioni ana non obbligatorie intende che le persone HIV+ non hanno sempre ana alterati?

Il mio aumento di cd8 ,i miei Ac.ANTI NUCLEO presenti possono essere scaturiti dalla mia clamidia?


A presto e grazie infinite.






[#13] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
posso risponderle che nel complesso le alterazioni che lei riferisce non sono suggestive per Hiv/Aids.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#14] dopo  
Utente 101XXX

Ho appena letto la sua risposta e devo dire che ho avuto un respiro di sollievo.....
In questi giorni che mi anno allontanato dalle competizioni e dagli allenamenti non ho fatto altro che girovagare su internet per documentarmi.

Ho letto che le malattie autoimmuni si curano ma non si guariscono e che gli ena ed ana
rilevano proprio tali malttie!
E' vero tutto questo?


E in pratica un infezione da clamidia incidere sul mio aumento cd8 e psitività Ac ANTI NUCLEO?E' tutto collegato?

[#15] dopo  
Utente 101XXX

.

[#16] dopo  
Utente 101XXX

cro dottore, non ho più avuto notizie, oggi soo stato dal mio specialista, e vorrei avere le sue risposte al più presto.
Ho molta paura,e vorrei davvero risentirla il prima possibile!!
Grazie ancora
ciao

[#17] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Carissimo,
la seguo sempre e non ho replicato perchè in realtà le avevo già risposto.
Cosa le ha riferito il suo specialista alla visita?
Le analisi di laboratorio valutate senza la visita del paziente sono poco indicative...
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#18] dopo  
Utente 101XXX

La ringrazio dottore per la sua disponibilità e mi scusi se a volte soo un pò ripetitivo , ma non mi era stata chiara una cosa:se appunto la clamidia avesse potuto incidere sul rapporto cd4 cd8 e sulla positivita Ac anti nucleo.

Il mio specialista dopo aver visto bene tutte le analisi ha detto che il valore anti clamidia è relativamente molto basso e che addirittura a seconda di laboratori sarebbe da considerare tra i normali valori di riferimento(minore di 8),io ho 14.

La paura mi è salita quando mi ha chiesto se avessi fatto il test hiv!!Cosila mattina stessa nel reparto di malattie infettive me lo ha fatto fare.
Ho una paura enorme visto il mio rapporto invertito e la mia positiita ac ati nucleo.

La prego mi aiuti,la febbricola persiste e non se ne vuole andare.

In attesa al piu presto delle sue risposta la ringrazio ancora...

[#19] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
In attesa delle risposte definitive la invito nuovamente a considerare che le variazioni di laboratorio che la riguardano possono dipendere da altre cause infettive (per i CD8), e non è detto che lei debba necessariamente manifestare una malattia autoimmune (per la positività agli ANA).
Saluti.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#20] dopo  
Utente 101XXX

Grazie ancora dottore.
Mi scuso se nella paura corro il rischio di incombere in domande banali e a volte inutili .Il fatto è che non ho il coraggio di andare a ritirare il test.
Il mio rapporto invertito, la mia pistivita anti nucleo, la mia febbreicola ormai da 3 mesi(non so se rientra tra i sintomi per cosi molto tempo) e il fatto che sia partito tutto da diarrea e vomito mi fa sempre pensare a quello....

.Le volevo chiedere alcune cose però:

Il rapporto cd4 cd8 si inverte in pochi mesi da un eventuale contagio o passa molto tempo?

Nelle analisi del sangue so che il globuli bianchi sono molto bassi quando si è contagiati...
nelle mie 3 analisi effettuate in 3 laboratori diversi(causa prelievo usl, pronto soccorso e ricovero) ho segnalato questi valori:
esito unita di valore di
misura riferimento
15/1/09:leucociti 6.92 10^3/uL 4.00-10.00
13/2/09:glob.bianchi8.73 10^9/L 4.00-11.00
14/2/09:leucociti 6.86 10^3uL 4.00-10.00


é molto significativo questo?
come mai a distanze di un giorno la differeza tra 8.73 e 6.86?Ripto che ho cambiato ospedale e vedo un unità di musura diversa(può influire?)

Se non fosse malattia autoimmune e nemmeno reumatica e fosse soltanto ( speriamo) un disordine immunitario come mai questa febbricola?
Mi risponda al piu presto, non so piu cos fare....

Grazie ancora..




[#21] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Per ora si deve calmare!!!
Le ripeto che i dati che riferisce possono dipendere anche da fatti banali...e non è corretto dare indicazioni senza elementi sicuri su cui ragionare.
Attenda i risultati e nell'attesa si allontani dal monitor e dalla tastiera; potrebbe trovare in internet notizie fuorvianti e che complicherebbero il suo stato di agitazione.
La saluto cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#22] dopo  
Utente 101XXX

La ringrazio davvero, per la sua pazienza e pe la sua umanità...La cosa che mi lascia perplesso e la richiesta di un test di questo genere, non me l aspettavo sinceramente e questo mi ha spaventato.
Se con il mio specialista attendo prima le analisi che dovrò fare tra 2 settimane per ricontrollare tale rapporto ed ana(da lui nuovamente richiesti)e poi eventualmente non fosse cambiato niente ritirerò l'esito?

Che ne dice?
Insomma lasciare quella per ultima pèossibilità...
Non so davvero quale sia la cosa miglioe.
Mi dia un consiglio, considerando la mia situazione e soprattuttola sua impressione...Grazie per ora..

[#23] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei dovrà certamente ritirare l'esito anche perchè non si trova davanti ad un bivio: o è mal. autoimmune o è aids!..e anche questo che vorrei farle capire.

Il collega è stato estremamente corretto ad indicarle questi approfondimenti; in medicina dobbiamo preoccuparci di 'escludere' le conzioni più gravi perchè a quelle meno gravi ci si dedica con più tranquillità.
La prego di essere ottimista, le sarà di vantaggio in ogni caso.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#24] dopo  
Utente 101XXX

ok grazie ancora, il suo discorso non fa una piega , è giustissimo partire dalle cose piu gravi e scendere giù eventualmente,solo che può capire sentirsi chiedere di affrontare un test del genere non è come quello ematico cui si sottopone ogni 3 mesi qualsiasi atleta....
Se mi ha chiesto quel test un otivo ci sarà!!Questo è quello che mi spèaventa...
Comunque la ringrazio davvero infinitamente per ora, speriamo che vada tutto bene!!
A presto, seguirò(o almeno ci provo)i suoi consigli!!
A presto