Utente 557XXX
Gentilissimi,

a breve dovrò richiedere all'ufficiale sanitario del mio comune un certificato di idoneità fisica all'impiego presso la Pubblica Amministrazione. Tra gli esami richiesti è previsto anche il test di Manotux. Vorrei cortesemente chiedervi a riguardo se una positività a questo test potrebbe inficiare il rilascio del certificato. A memoria non ricordo di essere stato vaccinato per la TBC, ma al tempo stesso non posso escludere di essere venuto in contatto con il bacillo di Koch nel passato. Aggiungo che non ricordo di aver mai presentato sintomi riconducibili a tubercolosi e che attualmente godo di buona salute (analisi ematochimiche e visita cardiologica effettuate 2 mesi fa risultano nella norma). Un ringraziamento a chi vorrà rispondere alla mia domanda.

[#1] dopo  
212828

Cancellato nel 2013
Gentile Utente,
il test di Mantoux è un test di screening utilizzato per evidenziare l’infezione tubercolare e si esegue inoculando nella cute dell'avambraccio 5 Unità di PPD (purified protein derivative). La lettura avviene a 48-72 ore dall'inoculazione.
I soggetti che risultano “negativi” all’intradermoreazione (con infiltrato < 5 mm), con molta probabilità, sono persone che non sono mai venute in contatto con il micobatterio e sono suscettibili di ammalarsi di tubercolosi. Il DPR 465/2001 ha drasticamente limitato le indicazioni di uso della vaccinazione antitubercolare ai soli operatori sanitari ad alto rischio di esposizione a ceppi di bacilli tubercolari multi-farmaco-resistenti oppure che operino in ambienti ad alto rischio e non possano, in caso di cuticonversione, essere sottoposti a terapia preventiva, perché presentano controindicazioni cliniche all’uso di farmaci specifici.
I risultati “positivi”, i soggetti con infiltrato > 5 mm di diametro, documentano semplicemente l'avvenuto contatto dell'organismo con il bacillo di Koch, ma non è certamente possibile attribuire al micobatterio uno stato patologico eventualmente in atto. Queste persone, quindi, andrebbero sottoposte ad una visita medica e ad eventuali approfondimenti diagnostici presso i servizi di pneumologia.

Cordiali saluti
Dott. Michele Balsamo