Utente 178XXX
Buon Sabato a tutti. Vi racconto in breve il mio percorso...Lavoro a stretto contatto con il pubblico in mezzo alla gente tutto il giorno in piedi e su e giù per lunghi percorsi .
Da un'anno e più ho iniziato un duro percorso di depressione , sbalzi d'umore , forte insonnia e attacchi di panico. Il mio psichiatra ha fatto dei certificati a lavoro e da circa 4 mesi ha richiesto l'inidoneità al contatto con il pubblico . Premetto che esattamente da quando sono iniziati i miei problemi il mio datore di lavoro mi ha iniziato a farmi fare delle visite presso il sanitario di riferimento della mi azienda , il quale dopo questi certificati ha ritenuto opportuno farmi fare una visita da un loro psichiatra che ha diagnosticato le stesse cose del mio psichiatra ed esattamente un mese fa ha emesso al sanitario un certificato dove richiedeva un cambio di mansione possibilmente in ufficio e lontano dal contatto con il pubblico... ed è da un mese che io non so più niente . Ho telefonato direttamente alla struttura che ha detto di doverci mettere qualche giorno in più per decidere . A me sembra assurdo che dopo la conferma dello specialista interno ancora ci possano essere dei dubbi e delle incertezze causando così un forte crollo della mia persona e ansia .. sono in ferie ma tra una settimana dovrei rientrare con le stesse mansioni e ho paura e sto subendo un forte disagio ... è passato un mese e volevo sapere cosa potevo fare se è il caso di chiamare un avvocato . Ma sopratutto se il sanitario può sottovalutare la diagnosi del loro specialista e far finta di niente lasciandomi in quella posizione?
Grazie mille spero in una risposta
Vi auguro buon week end

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

nel suo caso in primo luogo deve rientrare (stop a certificati di malattia e a ferie) e con il giudizio del medico competente dovrà essere collocata in ufficio e lontano dal contatto con il pubblico, se ciò non avviene, presenti una domanda scritta al datore di lavoro chiedendo il rispetto del giudizio del medico e che in caso contrario andrà alla Medicina del Lavoro dell'USSL (ASL) competente per denunciare il fatto anomalo.

Cordiali saluti.
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#2] dopo  
Utente 178XXX

Buongiorno Dott. Golia , grazie per la sua risposta.
Mi spiego meglio ,ho fatto 4 giorni di malattia a fine maggio e le ferie solo quelle già programmate di turno
Il mio psichiatra ha richiesto di togliermi il contatto con il pubblico ad aprile con certificato che ho consegnato alla struttura sanitaria della mia azienda , a giugno mi hanno fatto fare loro una visita con un psichiatra interno che assolutamente confermato il tutto .. io dovrei rientrare a breve ma ancora la struttura sanitaria non ha dato nessun responso all'ufficio che gestisce il personale ed è per questo che sono molto preoccupata e rientrare mi crea una fortissima ansia e insonnia ... quando ho chiamato direttamente la struttura mi hanno risposto come se mi facessero un piacere a rispondermi ed erano molto scocciati...
Ora vedrò quanto ancora vorranno far passare ma a me sembra assurdo e poco professionale . Mi sento come una cavia da laboratorio ..come se volessero tenermi li per testare fino a quanto reggo .

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Deve chiedere una visita al medico competente aziendale e non deve parlare con la "struttura aziendale".
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona

[#4] dopo  
Utente 178XXX

Grazie dottoreinfatti è quello che ho fatto ma ancora non ho avuto alcuna risposta in merito