Utente 997XXX
salve,

volevo delle informazioni riguardo alla legislazione che regola la situazione lavorativa di donne in stato di gravidanza, esposte ad inquinamento elettromagnetico.
Sono alla 13 settimana e lavoro per una granda multinazionale delle telecomunicazioni, nel campo della telefonia mobile.
Nelle prossime settimane dovrò svolgere alcune attività in laboratorio, proprio sugli apparati di trasmissione. (Antenne della tecnologia GSM).
Sebbene le antenne debbano essere schermate e mantenute a potenze minime, spesso queste norme non vengono rispettate. I controlli vengono effettuati raramente, e ogni tanto ci spediscono delle mail per ricordare di "fare più attenzione" perchè le misurazioni campione avevano trovato valori oltre soglia.
Secondo lei corro dei rischi? Posso chiedere di non effettuare questa attività ?
(La mia situazione contrattuale è un poco complessa perchè sono Consulente presso questa azienda; quindi i miei datori di lavoro non coincidono con le persone che mi affidano le attività da svolgere).
Ringrazio e Saluto,

[#1] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Cara Sigbora
1. La sorveglianza sanitaria viene effettuata periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicita' inferiore decisa dal medico competente con particolare riguardo ai lavoratori particolarmente
sensibili al rischio di cui all'articolo 183, tenuto conto dei risultati della valutazione dei rischi trasmessi dal datore di lavoro. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, puo' disporre contenuti e periodicita' diversi da quelli forniti dal
medico competente.
2. Fermo restando il rispetto di quanto stabilito dall'articolo 182, sono tempestivamente sottoposti a controllo medico i lavoratori per i quali e' stata rilevata un'esposizione superiore ai valori di
azione di cui all'articolo 208, comma 2.
Quindi contatti il MC della sua ditta e si faccia consigliare in base ai valori di esposizione della valutazione della ditta con cui espleta l'attività di consulente.

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro