Utente 769XXX
Egr. Dottore,
ho un pò di confusione per quanto riguarda la figura del Medico Sportivo.
Non ho ben capito se questa sia una specializzazione a se (come per il gastroenterologo, dermatologo, ecc.) oppure se è sempre abbinata ad un'altra che può esserle strettamente correlata.
Mi è capitato di leggere cose del tipo "specializzato in ortopedia e medicina dello sport", oppure in "cardiologia e medicina dello sport"...ovviamente la cosa è logica visto che traumi e problemi cardiaci hanno un fondamento nella pratica sportiva. Ma allora il medico dello sport "e basta"? Immagino che la pratica sportiva coinvolga diverse discipline mediche (oltre a quelle citate anche l'alimentazione ha la sua importanza) e quindi come regolarsi? In parole povere...meglio il medico sportivo, l'ortopedico specializzato in medicina sportiva rispetto al "normale" cardiologo o viceversa (a seconda delle necessità)?
Grazie

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Per prima cosa la prego di non parlare di "medico sportivo": sembra la descrizione di un medico che pratica attività fisica e gioca a tennis, a calcetto ...
La specializzazione in Medicina dello Sport ha una durata post laurea di 4 anni, come l'ortopedia, la cardiologia ecc. E' una specializzazione a se stante, quindi: quando legge "Cardiologia e Medicina dello Sport" si tratta semplicemente di un medico con due specializzazioni (se scrivesse Medicina dello Sport - Cardiologia, il dubbio forse non nascerebbe).
La traumatologia dello sport e la cardiologia dello sport trattano di argomenti correlati alla pratica sportiva e spesso differenti nella loro origine e nella eventuale terapia da applicare.
Quindi, a mio parere, uno sportivo dovrebbe rivolgersi per le sue problematiche allo specialista in Medicina dello Sport.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 769XXX

Grazie per la risposta Dottore e mi scusi per il tremendo equivoco sulla definizione! :-)
Quindi lo specialista in medicina dello sport dovrebbe essere consultato al sopraggiungere di una patologia legata alla pratica dello sport? E poi sarà lui, eventualmente, a consigliare un altro specialista più indicato per quel problema specifico?
Sarebbe corretto per una persona che non pratica sport ma che ha intenzione d'iniziare effettuare i controlli direttamente dallo specialista in medicina dello sport piuttosto che passare per il cardiolgo o l'ortopedico?
Grazie

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Più che corretto direi che è obbligatorio, visto che l'idoneità alla pratica sportiva può essere concessa solo dallo specialista in medicina dello sport. Ma a parte questo, credo proprio che per avere indicazioni sul proprio stato di salute e sul miglior modo di svolgere una pratica fisica sana e priva di rischi, lo specialista in medicina dello sport sia quello da preferire.
Legga queste pagine per avere un quadro più chiaro su questo specialista:
http://www.sportmedicina.com/il_medico_dello_sport.htm
http://www.sportmedicina.com/idoneita_sport.htm
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#4] dopo  
Utente 769XXX

Grazie per la risposta dottore.
Mi rivolgerò direttamente ad uno specialista in medicina dello sport visto che ho intenzione di ricominciare a praticare.
E' possibile fare questa visita in ospedale come per le altre specializzazioni (con la ricetta del medico di base, intendo)?
Grazie

[#5]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La medicina dello sport è sia pubblica che privata. Deve informarsi presso le strutture della sua città.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com