Utente 130XXX
Gentili professori, sono un ragazzo che ha sempre praticato sport; 2 mesi e mezzo fa in una partita di calcetto ho avuto un forte scontro di gioco, tanto da nn poter più piegare la gamba. Dopo aver effettuato raggi alla gamba destra all'altezza del quadricipite con esito negativo, ho fatto una ecografia con esito: EMATOMA INTRAFASCIALE DEL MUSCOLO RETTO FEMORALE AL 3 MEDIO. SPANDIMENTI EMORRAGICI SI APPREZZANO A CARICO DEL MUSCOLO VASTO MEDIALE E DEL MUSCOLO VASTO LATERALE SIA AL 3 PROSSIMALE CHE AL SUO 3 DISTALE. Sotto consiglio medico, sono stato a riposo per 2 mesi e mezzo, ma ho notato solo miglioramenti a livello muscolare, mentre provo gli stessi dolori di qualche mese fa nel momento in cui premo forte con le dita all'altezza del muscolo vasto mediale. Ad oggi ho deciso di rifare un'ulteriore ecografia con esito: NOTEVOLE ISPESSIMENTO DEL TENDINE RIFLESSO DEL RETTO ANTERIORE AL 3 MEDIO DOVE L'ARCHITETTURA MIOFIBRILLARE NON è EVIDENTE. IL QUADRO è COMPATIBILE CON LESIONE DISTRATTIVA CON EDEMA PERITENDINEO INTRAFASCIALE. ASSAI ESILE FALDA SUBFASCIALE IN PROSSIMITà DEL VASTO LATERALE. Poichè i medici continuano a sostenere che la cura è solo il riposo, mi urge sapere se posso svolgere attività fisiche e quali, e i tempi di recupero giacchè non noto alcun miglioramento di dolori (che si manifestano solo nel momento in cui premo forte sulla parte interessata) e nel caso eventuali cure del caso. Grazie come sempre gentilissimi.

[#1]  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
dai dati da lei riportati no è possibile fornire interpretazioni certe,poichè il secondo referto sembra riferirsi a lesione più recente. Le consiglio quindi di riferirsi ad uno specialista (Traumatologo dello sport,Fisiatra o Ortopedico) per una valutazione precisa della condizione attuale e per possibili terapie adiuvanti.
Cordiali saluti.
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica