Utente 174XXX
Ormai da mesi vado costantemente in palestra 3 volte a settimana con la speranza di perdere giusto 2 o 3 kg, ma invece di perdere peso l'ago della bilancia non scende, aumenta. So che i muscoli pesando di più ma il problema è che tirano anche i pantaloni e mi rendo conto di essermi ingrossata. Che è esattamente il contrario di ciò che vorrei dal mio allenamento. Mi sono buttata perciò solo sull'attività aerobica: 50 min ellittica (a causa di problemi intestinali non riesco a correre sul tapis roulant)+ 20/30 bici+ esercizi parte alta (non ho problemi di tempo) ma la situazione non è cambiata. Inoltre non riesco nemmeno a tonificare cosce e glutei che nonostante gli sforzi risultano sempre senza tono ("molli" con cellulite diffusa). A livello di alimentazione non ho variato nulla nel tempo: mangio molta verdura e frutta e limito i carboidrati. Non mangio dolci e nn aggiungo mai nè condimenti nè sale. Il trainer minimizza il problmea ma personalmete credo di sbagliare qualcosa...ma cosa? Inoltre al termine della corsa o di una lunga passeggiata sento come un pizzicorio nelle gambe, come bolle che scoppiettano, il medico sostiene sia un problema di muscoli e mi ha prescritto ALA 600. Secondo lei questo ha a che fare con la mancanza di tono muscolare? Mi redo conto della difficoltà del consulto via pc, ma la ringrazio comunque per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Lofrano

24% attività
0% attualità
16% socialità
GENOVA (GE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
A mio parere bisogna tarare la sua alimentazione in base al tipo di esercizio. Per un atleta i carboidrati sono importanti, le proteine anche i grassi un pò meno. è normale aumetare di peso durante l'allenamento in palestra, infatti la massa grassa diminuisce e la massa magra, piu' densa, aumenta. Probabilmente deve lavorare piu' sull'agilità che sulla potenza ma sono sicuro che con la dieta personalizzata da un dietologo e un bravo allenatore risolverà il problema. Tenga conto però che i grassi accumulati nel sottocute, quando provocano inestetismi cutanei sono molto resistenti all'attività fisica.

Distinti Saluti
Dr. Francesco Lofrano