Utente 139XXX
Buongiorno,
volevo chiedervi quali esami fare per risolvere il mio problema.
A marzo 2012 ho avuto una distorsione alla caviglia, l'ho sottovalutata ed oggi a quasi 11 mesi ho ancora dolore se piego o allungo troppo la caviglia. sono completamente fermo da 3 mesi, ho usato antiinfiammatori e creme varie (aulin, sifcamina) ma il dolore persiste. Ho fatto l'ecografia e mi hanno detto che non si vedono versamenti.
Mi hanno consigliato tanto riposo ma è passato quasi 1 anno è non riesco a riprendere a fare sport. Vi dico che subito dopo l'infortunio non ho usato nemmeno il ghiaccio, ero convinto fosse solo una storta. Radiografia o risonanza magnetica?
Se cammino e corro senza sforzarmi non ho dolore, solo se piego troppo la caviglia. devo provare a fare sport o aspetto ancora?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buongiorno,
ha fatto tutto da solo e pensa di continuare così o si è anche rivolto ad un specialista ?
Continuare ad avere dolore dopo un anno dal trauma nei movimenti di flessione e di estensione della caviglia credo meriti proprio una visita specialistica , poi eventualmente anche gli esami diagnostici per immagini che il medico riterrà opportuno rischiedere.
Di solito i farmaci ad uso topico ( creme e pomate ....) hanno un effetto parziale e transitorio.
Anche il riposo serve relativamente poco se non viene espressa una diagnosi .
Una distorsione della caviliglia - secondo il grado - può provocare lesioni articolari ( tendini, legamenti , capsula articolare , cartilagine ) o anche certe lesioni ossee non sempre ben visibili in prima istanza all'esame rx ( talvolta occorre ripetere l'esame dopo qualche giorno ) .
La caviglia è un'articolazione più delicata e complessa di quanto non sembri e non possiamo pensare che una " storta " , seppur apparentemente banale, si possa curare in stile " fai da te " e poi riprendere - anche dopo più di un anno di riposo - senza una visita specialistica, senza i successivi controlli, senza l'eventuale terapia riabiliativa e la rieducazione ( molto spesso necessarie ) e senza l'ok del medico per poter riprendere l'attività sportiva abituale .
Mi tenga al corrente dopo la visita.
Rimanendo a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, la saluto cordialmente .
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#2] dopo  
Utente 139XXX

Grazie mille Dottore.
Ho chiamato il mio medico e domattina mi vede nel suo studio cosi inizierò seriamente a curarmi.

Ancora grazie

[#3] dopo  
Utente 139XXX

Buongiorno dottore,
il mio medico mi ha visitato la caviglia e ha detto che c'è un versamento. Mi ha segnato l'ecografia che però posso fare solo il 20 marzo (non c'è posto prima).
Mi ha detto che posso fare qualsiasi attività utilizzando una cavigliera e che non vede nessun motivo per restare fermo.
Ma il versamento non può creare problemi se faccio sport? anche perchè mi fa ancora 1 pò male quando allungo troppo la caviglia da quasi 1 anno.

Non so come comportarmi, se stare fermo o riprendere l'attività?
Ci sono sport riabilitativi per la caviglia?

Grazie mille

[#4] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
buongiorno,

potrei essere pienamente concorde con quanto le è stato detto dal medico.

Certo, non l'ho visitata io e non sappiamo ancora niete dell'esame ecografico.

Probabilmente io avrei preferito eseguire una risonanza magnetica : a distanza di un anno dal trauma oocorre valutare eventuali sofferenze cartilaginee - e persino dello stato più superficiale dell'osso che sta, appunto, appena al di sotto della cartilagine .

L'esame ecografico è molto valido , ma dipende molto dall'esperienza e dall'abilità di chi lo esegue, non semre son rilevabili le alterazioni cartilaginee profonde della caviglia .

Con una buona cavigliera può riprendere l'attività fisica .
Non esistono sport riabilitativi per la caviglia....... esiste la riabilitazione , o meglio la terapia riabilitativa che viene prescritta opportunamente dal fisiatra ed eseguita dal terapista della riabilitazione .

Mi faccia comunque sapre dopo l'esame che dovrà eseguire.
Cordiali saluti
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#5] dopo  
Utente 139XXX

Buongiorno dottore,
ho fatto l'ecografia

Le scansioni ecografiche non dimostrano segni di flogosi acuta lungo le emirime tibio-tarsiche o a livello delle strutture legamentose peroneo astragaliche - calcaneari.
Normale il tendine achilleo in assenza di di patologie inserzionali
Non evidenti patologiche distensioni delle guaine tendinee.
Indicata valutazione ortopedica ed eventualmente approfondimento d'indagine con RMN.

Sembra tutto ok, ma non capisco perchè mi fa male se fletto troppo, sia dietro che avanti. sento anche che sto perdendo elasticità alla caviglia. che potrebbe essere?

Grazie
Buona giornata

[#6] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
come le avevo già accennato, avrei preferito eseguire la RMN piuttosto che l'ecografia.
Quest' esame infatti , mentre permette lo studio delle sole parti molle, non è molto preciso nello studio delle componenti articolari della caviglia ( capsula e cartilagini ).
Inoltre , essendo un esame molto dipendente dall'esperienza e dalle capacità dell'operatore, non molti lo preferiscono quale esame esame diagnostico elettivo per lo studio della caviglia in genere .
La maggioranza degli specialisti ortopedici e fisiatri preferisce infatti l'esame RMN che, diversamente dall'ecografia, è un esame meno " operatore - dipendente ", più dettagliato e fornisce una " visione " " più panoramica " dell'articolazione da studiare.
Credo quindi che possa essere di maggior aiuto l'esecuzione di quell'esame.
Cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#7] dopo  
Utente 139XXX

Buona sera Dottore,
grazie della risposta.

In base all'ecografia fatta e in attesa della RMN che è fissata per il 10 maggio, posso fare un pò di sport? è quasi 1 anno che ormai sono praticamente fermo.

Pensavo alla corsa e al tennis usando una cavigliera, è consigliato o mi conviene aspettare? Le ricordo che il dolore c'è sempre piegando troppo la caviglia.

Grazie mille

[#8] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
le consiglierei il nuoto.
Sarebbe un'alternativa valida che consente di sovraccaricale poco o niente la caviglia.

Può comunque fare come crede o come le piace di più.
Ha già trascurato la caviglia per molti mesi: fino al 10 maggio può anche tentare di correre, se farà ancora male la caviglia si fermerà da solo senza indugi.

Il tennis non è alternativo alla corsa.
Come certamente saprà , esso è caratterizzato da bruschi arresti, brusche accelerazioni, rapidi cambi di direzione, talvolta da salti ( soprattutto nel gioco a rete ) : tutte condizioni che sollecitano e sovraccaricano sempre la caviglia.
Ovviamente tutto varia in funzione del grado della sofferenza anatomica e strutturale della sua caviglia ed anche dal suo livello tecnico di gioco a tennis.
Teoricamente e sinteticamente meno è bravo e meno gioca, più alto sarà il rischio di avere dolore se addirittura di andare incontro ad altri infortuni.

Se l' esame RMN svelerà poi un danno cartilagineo, ogni tipo di sovraccarico funzionale che avrà procurato danneggerà ulteriormente le strutture articolari.

Alla fine le auguro che le cose non staranno proprio così come ho ipotizzato in un ipotetico esempio, ma ne vale davvero la pena precorrere i tempi ?

Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#9] dopo  
Utente 139XXX

Grazie Dottore,
tutto chiaro. proverò con il nuoto.
L'ultima cosa che le chiedo in attesa della risonanza è se faccio 1 ora di corsa ogni 2/3 giorni rischio di fare altri danni? farei corsa blanda per muovermi un pò. posso andare in bicicletta?
Ma se c'è 1 danno cartilagineo come si procede? intervento o c'è qualche terapia da seguire?


Grazie mille e buon week end

[#10] dopo  
Utente 139XXX

Buonasera dottore, ho l'esito della risonanza magnetica

Sono state eseguite scansioni sui piani assiali saggitalie coronali con immagini pesate in T1 e T2
Non si evidenziano lesioni capsulo legamentose
Assottigliamento con irregolarità del profilo cartilagineo a livello tibio-astragalico per condropatia di medio grado
Lieve sinovite del recesso tibio-astragalico anteriore e nel tessuto adiposo de Kager
Regolare il tendine d'achille
Normali i tendini peronieri e il tibiale posteriore
Non significativo versamento articolare
normale il sinus tarsi.

Che curà dovrò fare? i tempi sono ancora lunghi per superare del tutto il problema?
il 12/04 ho la visita in ospedale dall'ortopedico

Ho seguito il suo consiglio e sono rimasto a riposo.

Grazie e buonaserata

[#11] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
l'esame eseguito confermerebbe una sofferenza di medio grado della cartilagine in sede tibio-astragalicacon una sinovite del recesso tibio-astragalico.
Credo che, confermando sempre il necessario riposo atletico, occorra attendere l'ultimo passo: effettuare la visita ortopedica per la valutazione clinica definitiva e per la scelta dei provvedimenti terapeutici più appropriati.

Rimango in attesa di aggiornamenti. Cordiali saluti.

Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#12] dopo  
Utente 139XXX

Grazie dottore,
le chiedo 1 ultima cosa.
La visita dall'ortopedico forse riesco a farla l'8 aprile privatamente.
Ma vedendo il referto e per la sua esperienza rischio l'intervento?
Quali terapie si possono fare e quali sono i tempi per un recupero completo?
Ovviamente non avendo visto la risonanza non può formulare una valutazione, ma per casi simili come si comporterebbe?

Grazie mille

[#13] dopo  
Utente 139XXX

Buonasera dottore,
ho fatto la visita dall'ortopedico;

OBIETTIVITà;
presa visione documentazione personale,
articolarità completa, permane modico dolore in regione anterolaterale.stress in varo +.
tendine d'achille integro e normofunzione. non deficit v/n in atto. homan neg, polsi periferici presenti e validI.
Scala VAS DEL DOLORE 2.
CONCLUSIONI esiti trauma distorsivo caviglia destra.

TERAPIA
ginnastica propiocettiva con tavoletta
stretching
rinforzo tricipite surale
rieducazione in acqua
nuoto
ciclo laser terapia
analgesici a bisogno
ripresa graduale delle attività inizialmente con tutore o bendaggio funzionale.

è d'accordo con questa valutazione? ma devo fare tutte queste cose?

Mi ha anche detto che gia potrei riprendere a giocare a calcetto e quindi anche la corsa

Grazie e buona serata

[#14] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
buongiorno,

posso essere d'accordo sulla valutazione clinica del collega ortopedico .
E' anche vero che egli l'ha visitata e valutata personalmente.

Mi rimane il dubbio dell'importanza che ha dato all'esito dell'esame rmn , in particolare alla sofferenza cartilaginea di grado medio dell'articolazione tibio - tarsica.
Come credo di averle già detto però , mentre sono fondamentali la visita clinica e la valutazione funzionale specialistica , gli esami specialistici rimangono sempre un " corredo " complementare e non sostitutivo ai fini della diagnosi.

Sono d'accordo con la prescrizione del trattamento riabilitativo.

Mi tenga sempre al corrente .

Cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#15] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
buongiorno,

posso essere d'accordo sulla valutazione clinica del collega ortopedico .
E' anche vero che egli l'ha visitata e valutata personalmente.

Mi rimane il dubbio dell'importanza che ha dato all'esito dell'esame rmn , in particolare alla sofferenza cartilaginea di grado medio dell'articolazione tibio - tarsica.
Come credo di averle già detto però , mentre sono fondamentali la visita clinica e la valutazione funzionale specialistica , gli esami specialistici rimangono sempre un " corredo " complementare e non sostitutivo ai fini della diagnosi.

Sono d'accordo con la prescrizione del trattamento riabilitativo.

Mi tenga sempre al corrente .

Cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#16] dopo  
Utente 139XXX

Buonasera dottore,
Ma quindi dovrei fare 1 altra visita? L'ortopedico mi ha detto che la caviglia è stabile e il dolore è minimo. Inoltre mi ha detto che avendo il piede piatto sono più soggetto ad alcune patologie. Domani per 5 giorni faccio la laser terapia.
Le chiodo solo per quanto tempo devo fare la ginnastica?
È d'accordo che posso riprendere a fare sport?
Grazie
Buona sera

[#17] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
credo sia opportuno seguire le indicazioni del suo ortopedico
Cordiali saluti
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#18] dopo  
Utente 139XXX

Buongiorno dottore,
ho seguito il piano di recupero. 8 sedute di laserterapia, 2 di ginnastica propriocettiva e esercizi a casa. mi hanno detto che ero pronto a fare sport e giocare a calcio.
Ho fatto 10 giorni di corsa, intervallati tra di loro e ho provato a giocare a calcio.
Non è un dolore atroce ma continuo ad avere problemi dietro alla caviglia quando vado in estensione, e giocando capita spesso. Non ho avuto gonfiore e adesso il fastidio è minimo. Cosa devo fare? solo riposo o devo fare un'altra visita?

Grazie
Buona giornata