Utente 272XXX
Buongiorno,
volevo avere un parere sull'esecuzione biomeccanica dell'esercizio di pesistica squat.
Un scarsa mobilità della caviglia, impedendo di piegarsi più di tanto sulle ginocchia, per raggiungere un'accosciata buona impone che il busto si inclini in avanti, sforzando più su glutei e quadro dei lombi che sul quadricipite. Io questa situazione la devo evitare in quanto la schiena ogni tanto mi da dei doloretti.
Mettendo un rialzo sotto il tallone si va ad annuallare tale leva; con il giusto rialzo vengono sfruttate allo stesso modo la leva del ginocchio e quella dell'anca, con un coinvolgimento equilibrato del gluteo e del quadricipite.
C'è un modo (stretching, mobilizzazioni o quant'altro) che se eseguite con regolarità possa portare con il tempo ad una maggiore escursione dell'articolazione della caviglia in modo da poter effettuare uno squat corretto senza eccessivi sforzi a carico di u distretto muscolare piuttosto che un altro?

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non avendo ricevuto risposte in questa area potrebbe ripostare in area ORTOPEDIA anche perché alcuni ortopedici sono specialisti in Medicina dello sport

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com