Utente 302XXX
Buongiorno,
volevo un consulto riguardo ad un problema che mi affligge da anni.
In modo breve e sintetico succede che dopo un po' di tempo che sto seduto sento prima fastidio poi dolore al gluteo, una sorta di infiammazione che dal gluteo poi si spinge fino alla parte inferiore della schiena e si irradia anche fino alla parte posteriore della gamba. Inizialmente mi succedeva dopo ore, ultimamente invece dopo poche decine di minuti che sto a sedere. Sono stato prima da un'osteopata, poi da un manipolatore fasciale. Ho fatto una visita dal fisiatra e mi ha parlato di problema posturale consigliandomi un anno di pilates (che ho fatto). Un po' la situazione è migliorata ma non in termini rilevanti. Ho fatto anche una risonanza magnetica ma non è risultato niente di anormale. Da un po' di tempo mi sto sottoponendo ad infiltrazioni che mi fanno passare il dolore ma non è sicuramente una soluzione definitiva. Ho sentito parlare di tendinopatia ischio-crurale oppure di discopatia a livello di L5-S1.
Spero che possiate darmi altre informazioni, grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
comprenderà bene che senza un'anamnesi più approfondita e precisa ( in ordine al tipo ed alle caratteristiche del dolore ) e senza una visita clinico-funzionale non è possibile esprimere correttamente un parere.
Mancano diversi elementi che vanno ricercati durante la visita e che lei non ha citato.

Un fisiatra, però, l'ha già visitata e sembra non abbia sospettato patologie degne di rilievo.
La prescrizione del Pilates mi può sembrare appropriata, del resto le ha anche sortito dei giovamenti....

Dal referto dell'esame RMN eseguito, sembra non siano evidenziati segni rilevanti.
Certo, leggere il referto non è come vedere direttamente le relative immagini.
Sarebbe perciò utile vedere bene queste , al fine di rispondere correttamente ai suoi quesiti.

Al suo posto, tornerei dal fisiatra che l'ha già visitata per riferirgli direttamente tutti gli aggiornamenti, l'evoluzione dei sintomi e quanto sarò necessario sapere dall'ultima visita effettuata ad oggi.
Eviterei - senza una diagnosi aggiornata - manovre osteopatiche o mio-fasciali ed infiltrazioni che forse possono tutte dare benefici temporanei, ma non duraturi nel tempo.
Riprendere il Pilates potrebbe esserle utile, ma prima torni dal suo fisiatra.

Mi tenga al corrente. Cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#2] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Buonasera,
comprenderà bene che senza un'anamnesi più approfondita e precisa ( in ordine al tipo ed alle caratteristiche del dolore ) e senza una visita clinico-funzionale non è possibile esprimere correttamente un parere.
Mancano diversi elementi che vanno ricercati durante la visita e che lei non ha citato.

Un fisiatra, però, l'ha già visitata e sembra non abbia sospettato patologie degne di rilievo.
La prescrizione del Pilates mi può sembrare appropriata, del resto le ha anche sortito dei giovamenti....

Dal referto dell'esame RMN eseguito, sembra non siano evidenziati segni rilevanti.
Certo, leggere il referto non è come vedere direttamente le relative immagini.
Sarebbe perciò utile vedere bene queste , al fine di rispondere correttamente ai suoi quesiti.

Al suo posto, tornerei dal fisiatra che l'ha già visitata per riferirgli direttamente tutti gli aggiornamenti, l'evoluzione dei sintomi e quanto sarò necessario sapere dall'ultima visita effettuata ad oggi.
Eviterei - senza una diagnosi aggiornata - manovre osteopatiche o mio-fasciali ed infiltrazioni che forse possono tutte dare benefici temporanei, ma non duraturi nel tempo.
Riprendere il Pilates potrebbe esserle utile, ma prima torni dal suo fisiatra.

Mi tenga al corrente. Cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA