Utente 232XXX
Gentili dottori, descrivo in breve la mia situazione: nell'agosto 2012 ho subito una fratturacomposta alla vertebra d11 in seguito ad una caduta da cavallo e ho poi intrapreso la terapia di 3 mesi con il busto c35 e tanto riposo. Trascorsi i tre mesi sono passata a un busto semirigido e ho iniziato dei trattamenti con infrarossi e magnetoterapia. Ho iniziato anche a fare un po' di movimento in piscina come mi aveva consigliato il fisiatra (solo dorso) finché ho iniziato a non tollerare più il busto semirigido (avevo forte colite nervosa) così, contrariamente a quanto aveva previsto il medico l'ho tolto. Il fisiatra stesso si è dimostrato però sorpreso dal miglioramento che avevo avuto e mi ha detto che non avrei avuto bisogno di un'altra visita, mi ha consigliato soltanto di non fare sforzi pesanti e non riprendere l'equitazione per almeno un paio di anni. Intanto dai referti la vertebra risulta discretamente compressa ma non ci sono altri danni. Il problema è che vorrei ricominciare a correre all'aria aperta perché mi sento ferma da troppo tempo e la corsa è l'unico sport che mi fa sentire bene insieme all'equitazione. D'altra parte però ho paura che possa farmi male. Più o meno quali sono i tempi di recupero dopo una frattura del genere? E la corsa è realmente sconsigliata in questi casi, pur cercando di avere un assetto quanto più corretto? Vorrei un vostro consiglio.Grazie anticipatamente e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
pur nei limiti della consulenza on line, ritengo che dopo un anno e mezzo, la frattura della vertebra sia ben consolidata e pertanto potrebbe riprendere le sue attività sportive.
Ovviamente questa mia opinione, non essendo suffragata da una valutazione oggettiva, deve essere considerata del tutto personale e senza alcun valore prognostico.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Grazie mille, probabilmente farò come avevo pensato, e cioè inizierò a correre piano e poco alla volta e starò attenta ai segnali della mia schiena. Eseguo già da qualche mese degli esercizi in casa per rafforzare la muscolatura e mi sembra che vadano bene. La ringrazio per il suo parere e le mando i miei più cordiali saluti