Utente 276XXX
Egregi dottori,
come si capisce bene dalle linee guida di quest'utilissimo servizio, non vi scrivo per avere una diagnosi che sostituisca quella fatta di persona da un altro medico, bensì per un parere preliminare, che possa in qualche modo "tranquillizzarmi" (spesso ricevere un'indicazione precisa per i propri problemi ha già un che di terapeutico) e guidarmi anche verso misure preventive, cioè per evitare di peggiorare un eventuale quadro di danno alle strutture coinvolte dal trauma. Ovviamente al più presto mi recherò anche presso un medico all'ospedale per un esame obiettivo ed una visita più accurata, ma non potendo farlo per motivi personali almeno per i prossimi 2-3 giorni, cerco questa prima risposta qui.

Il mio problema, come da oggetto, è il dolore al ginocchio sinistro, per un trauma distorsivo, avvenuto ieri sera durante una partita di calcio a 5. Precisamente, dopo aver calciato, sono rimasto momentaneamente con un solo piede a terra, mentre un avversario mi si è precipitato addosso di lato: questo ha causato una rotazione anomala del ginocchio (sembra strano, ma non ricordo se sia andato in varo o in valgo) ed un dolore che, com'è ovvio che fosse, si è acuito solo al termine della partita, anche se già nei minuti finali di questa avevo dolore nel calciare.

Dal termine della partita, e tuttora, ho dolore (ed impossibilità) nel salire e scendere le scale, nell'iperestensione della gamba (e non nella flessione) e la deambulazione mi riesce difficile, tanto che sto pensando di iniziare ad usare le stampelle nell'attesa di accertamenti.
Preciso che il dolore di cui parlo non è così violento, scompare del tutto a riposo e non riesco ancora a localizzarlo precisamente: ho come la sensazione che sia "dentro" al ginocchio, anche se alle volte mi fa più male nella parte infero-laterale. Inoltre il ginocchio (almeno per quello che posso capire io) non sembra essersi gonfiato.
Da ieri sera sto applicando ghiaccio ogni 4 ore per 20 minuti e, quando posso, mantengo la gamba in posizione sopraelevata. Non ho preso altri accorgimenti.

A questo punto mi domandavo innanzitutto se poteste ipotizzare la causa del mio dolore, se ci fosse qualcos'altro da fare come "rimedio casalingo", o se magari dovessi farmi controllare in urgenza e stessi prendendo troppo sotto gamba la situazione.
Nel caso in cui foste così gentili da rispondere, potreste anche indicarmi quale/i esame/i svolgere ai fini diagnostici?

Vi ringrazio per la disponibilità, per il servizio offerto e, anticipatamente, per la Vostra risposta.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se non ricevesse risposte in questa area provi a ripostare anche in area ORTOPEDIA, perché il tema è affine e perché diversi ortopedici sono specialisti in Medicina dello Sport

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 276XXX

La ringrazio del consiglio, dott. Catania.
Dal momento che pare impossibile pubblicare qualcosa nell'area ortopedia (da circa 3 giorni compare sempre lo stesso messaggio riguardo i troppi consulti in attesa di moderazione, per cui non sono accettate nuove richieste), vorrei almeno provare ad aggiungere qualcosa a questa discussione, sperando in una risposta:

il dolore adesso è più localizzato ed è proprio nella parte mediale (e non laterale come dicevo all'inizio) del ginocchio, anche se quando cammino per un po' compare quel dolore sordo "dentro al ginocchio". Per quanto riguarda le altre limitazioni funzionali, ci sono ancora tutte ed ho notato che l'iperestensione della gamba adesso mi viene molto innaturale, come se da un certo punto in poi il movimento non fosse più fluido come nell'altra gamba.

Ho smesso di applicare ghiaccio e sto usando una schiuma alla nimesulide 3 volte al giorno da ieri.

Nell'attesa di una risposta, Vi porgo cordiali saluti.