Utente 303XXX
Stimati dottori,
ho 34 anni e a seguito di una trauma distorsivo giocando a beach volley 3 settimane fà ho riportato la rottura del legamento crociato anteriore con interessamento del PAPE.
Mi rendo consto che è molto difficile dare un consulto online e che le situazioni variano da soggetto a soggetto.
Pratico balli caraibici e mi piacerebbe poter continuare. Per il resto il mio desiderio sarebbe di recuperare quanto meno una funzionalità parziale . Intendo camminare e praticare sport per mantenermi un buone condizioni ma senza finalità agonistiche.
Quello che mi spaventa di più del referto della risonanza appena ritirata è la lesione al PAPE.
Referto RM GINOCCHIO SINISTRO
L'indagine RM condotta con sequenza T1, T2 pesate, PD e T2 in soppressione del grasso evidenzia minima contusione ossea del condilo femorale esterno sulla superficie
di carico del piatto tibiale esterno contrapposto in sede postero esterna con edema e con quota fluida a distendere il PAPE, modesta compromissione del popliteo.
Rottura del crociato anteriore, disomogeneo, deflesso in sede tibiale con aspetto stirato del posteriore e sinovite reattiva organizzata intra articolare.
Fibrocartigilagini meniscali di omogenea intensità del segnale con minima discontinuità del corno posteriore del menisco interno e distensione del recesso menisco capsulare limitrofo.
Normale intensità e morfologia deo legamenti collaterali.
Rottura in posizione bassa, a prevalenza della faccetta laterale, in asse ai gradi di flessione dell'esame.
CONCLUSIONI: rottura con retrazione del lagamento crociato anteriore, deflesso in sede tibiale con minima contusione ossea femoro tibiale esterna. Compromissione del PAPE.
Come si fa a capire se il PAPE è da operare e se si può farlo. Documentandomi su internet ho trovato pareri discordanti sulla possibilità di intervenire…cosa comporta a lungo termine un PAPE non operato o non operabile? Inoltre ho letto che in caso di riparazione di LCA e PAPE a causa dei diversi tempi di recupero sulla riabilitazione e delle stesse modalità si dovrebbe intervenire in maniera separata.
Potete aiutarmi a derimere i miei dubbi?
Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se non ricevesse risposte in questa area le consiglierei di ripostare ANCHE in area ORTOPEDIA.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com