Utente 733XXX
Salve,
vi scrivo perche' spesso ho trovato conforto e risposte ad hoc ai miei problemi quindi "mi fido di voi".

Giocando a calcetto ,che pratico da una vita, ho sentito un dolore non troppo forte dietro il ginocchio sinistro nella parte interna che mi ha limitato il proseguio della partita stessa . Sono stato fermo per una decina di giorni e stupidamente ho rigiocato . La cosa strana e' che all'inizio non mi ha fatto male nulla..col passare dei minuti hoi risentito il dolore nello stesso punto e mi sono fermato per evitare il peggio. Non ho dolori particolari ne' gonfiori ed e' una ventina di giorni che non pratico attivita' fisica proprio per evitare peggioramenti,cmq non sento nessun fastidio. Cosa puo' essere? e perche' sento dolore dopo 10' minuti e non da subito ?

grazie mille

[#1]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Se ho ben capito l'insorgenza è stata spontanea, senza traumi, inoltre lei non ha riportato successivo gonfiore o infiammazione locale.
Può trattarsi di un risentimento tendineo o legamentoso da sovraccarico, il fatto che il riposo le sia di aiuto sostiene questa ipotesi tuttavia la ripresa precoce dell'attività può determinare il risentimento della parte non ancora pronta.
Se dopo questi venti giorni di riposo ha osservato la scomparsa della sintomatologia potrebbe provare a riprendere iniziando con un periodo di allenamento alla corsa e valido stretching evitando gli scatti, i cambi di direzione e di calciare (tutte le attività tipiche del calcetto), se la corsa portata avanti per qualche giorno non le da problemi inizi ad allenarsi anche con il pallone e se tutto procede in due settimane riprenda a giocare.
Se in questo percorso si ripresentano problemi è necessario effettuare una visita specialistica (fisiatrica/medico sportiva/ortopedica) per valutare la situazione locale e suggerire eventuali indagini diagnostiche.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#2] dopo  
Utente 733XXX

salve Dr. Moretti,

grazie della celere risposta , molto esauriente e precisa.

Oggi ho fatto una corsetta di trenta minuti, non ho avvertito nessun fastidio durante la corsa, ma un leggero fastidio sempre dietro il ginocchio sinistro ma dalla parte esterna e non piu interna. Questo mi fa pensare che sia davvero una questione di risentimento tendineo , o sbaglio?

Se ci fosse qualche lesione non ruscirei nemmeno a correre mezz'ora o sbaglio? La cosa che non capisco ,da profano, e' che al tatto non mi fa male e' un dolorino fastidioso che sento internamente.

grazie mille

tullio

[#3]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Direi che l'ipotesi al momento resta valida anche perchè se ci fossero state vere e proprie lesioni tendinee o ligamentose fin da subito si sarebbero osservati relativi segni clinici: dolore acuto, limitazione funzionale, tumefazione, versamento, ematoma e probabilmente il decorso migliorativo sarebbe stato più lento a presentarsi.
Le confermerei il programma che già le avevo indicato fermo restando che l'eventuale comparsa di nuovi problemi richiederà una visita specialistica..spero che non le occorra, buon allenamento!
Saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione

[#4] dopo  
Utente 733XXX

Salve dottore,

ho corso oggi dopo una settimana e il ginocchio sinistro va molto meglio...nessun fastidio.

Stranamente mi si e' manifestato fastidio all'altro ginocchio. Io non metto i piedi in modo perfetto (tendono entrambi ad andare verso l'interno) e ultimamente sento che sta peggiorando la cosa..puo' essere questa la causa di questi fastidi alle ginocchia? Forse sollecitate in modo errato? Quali sono gli spacialisti che si occupano della postura del piede?

grazie


Tullio

[#5]  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Si tratta di un argomento di interesse ortopedico/podologico ma spesso anche il fisiatra se ne occupa.
Può chiedere al suo medico di famiglia di indicarle un valido specialista nella sua zona, solo con una visita è possibile definire se si tratta di un problema di scorretto appoggio dei piedi o di impefetto allineamento delle ginocchia.
Saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione