Utente 495XXX
Salve a tutti.
Un mese fa presi una storta alla caviglia.
Ultimamente è migliorata molto e fa male solo se simulo piano il movimento con cui è avvenuta la storta.
Posso incominciare a rinforzare la caviglia anche se in un alcuni movimenti sento dolore? O dovrei aspettare che il dolore si esaurisca totalmente?
Tuttavia ciò che mi preme è una specie di "protuberanza" a livello del piede.
Questa "protuberanza" è a metà del piede verso il lato esterno.
Al tatto fa male ed è duro. Sicuramente è osso. Le dimensioni sono sempre rimaste le stesse da quando mi sono infortunato.
A vista non lo si nota, ma al tatto è evidente.
Cosa dovrei fare per capire cos'è?
Radiografia o ecografia?

[#1] dopo  
Dr. Gianpaolo Sardo

28% attività
12% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
GELA (CL)
MAZZARINO (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Gentile utente, la distorsione della articolazione tibiotarsica non è mai da sottovalutare; i danni alle strutture capsulo-ligamentose sono molto comuni e soltanto un trattamento riabilitativo ad hoc da i risultati sperati, la cosiddetta "restitutio ad integrum". Il trauma descritto non sembra darmi riferimenti clinici sui quali formulare una risposta esauriente. Durante il mese di stop le hanno fatto un bendaggio per limitare la prono-supinazione lasciando indenne la flesso-estensione (bendaggio funzionale) ? Ha fatto una radiografia di controllo ? Il piede è gonfiato ? Si sono evidenziate stravasi ecchimotici sotto il malleolo ?
Se ha soltanto messo il piede a riposo, potrebbe avere problemi con le aderenze che si sono formate dal riassorbimento del versamento post-traumatico. Ma è un ipotesi. Faccia una radiografia ed una ecografia. Potranno essere più precise di quanto non possa fare io in questo momento.
Cordiali saluti
Dr. Gianpaolo Sardo
specialista in Medicina dello Sport - Catania
www.studiomedicostaff.it