Utente 135XXX
Buongiorno,
vorrei sapere se è possibile che la cellulite provochi dei dolori alle gambe e se è possibile che questi dolori aumentino con l'assunzione di farinacei.
Mi spiego: ultimamente ho spesso dorori di tipo muscolare con difficoltà nei movimenti e mi accorgo che questi problemi aumentano se salgo di peso. Purtroppo ho la tendenza ad ingrassare, forse per l'età (47 anni)o per la sedentarietà a cui sono costretta o per il metabolismo un po' lento... non so bene per quale motivo, ma faccio tanta fatica a mantenere il mio peso e se mangio farinacei di qualsiasi tipo la situazione si aggrava. Se il peso sale anche momentaneamente di 2-3 kili, mi vengono subito dolori alle gambe in particolare (ma anche alle braccia) accomapgniati da un senso di "pienezza", sento proprio il muscolo della coscia e del polpaccio rigido e gonfio che mi impedisce i movimenti fluidi. Possono essere questi problemi collegati alla presenza di cellulite, di ritensione idrica abbinata a difficolta di circolazione ? e come si possono rimediare)
grazie

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,
si sottoponga, intanto, ad una valutazione clinica angiologica, per escludere cause circolatorie venose agli arti inferiori.
Cordialmente
Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!

[#2] dopo  
Utente 135XXX

ho già fatto l'ecocolordopler arti inferiori + visita ed è risultato tutto a posto, mi è venuto solo a seguire il dubbio sulla possibilità che la ritenzione, se forte causi dolori.
Non so se questo sia possibile o se è solo una mia idea...

[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
MANFREDONIA (FG)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gent. utente,
avendo escluso con l'ECD problematiche a carico del circolo venoso, a questo punto potrebbe sottoporsi ad un esame Impedenziometrico ed, eventualmente, alla Podobarometria per valutare la presenza di liquidi ritenuti conseguente a squilibri idro-elettrolitici e/o assetto posturale deviato.
Cordiali saluti.
Dott. Serafino Pietro Marcolongo
Dietologia - Medicina Estetica

IL CONSULTO ONLINE NON SOSTITUISCE LA VISITA DIRETTA!