Utente 487XXX
Gent. Dottori,
ho fatto due sedute di depilazione laser diodo (808 nm) alle ascelle. Dopo la prima seduta ho avuto dolore alle ascelle per un paio di settimane. Alla seconda ho chiesto di abbassare l'intensità del raggio e nell'immediato sono stata meglio, anche se sempre un po' indolenzita e con qualche fitta come di puntura ogni tanto. Dopo un paio di settimane però mi è venuto un doloretto a partire dall'ascella sinistra fino a metà braccio circa, nella parte interna. Il dolore si è allargato nell'arco di 4/5 gg fino a coinvolgere la mammella, nella parte esterna vicino all'ascella e in quella superiore. Il dolore adesso è piuttosto acuto e mi impedisce un uso del braccio normale. Inoltre anche all'altra ascella sento un dolore simile, anche se molto meno intenso. Esternamente non ho segni, né rossori, né gonfiori. Leggendo qsa in rete mi sembra che la sintomatologia possa essere compatibile con una mastodinia (ciclica o non). Si tratta però di una patologia di cui non ho mai sofferto. Potrebbe trattarsi anche di linfalgite? Mi chiedo se il problema che ho possa essere stata scatenato dalla depilazione laser o se invece si tratti di pura coincidenza o magari anche di suggestione, visto che ero molto incerta nell'affrontare la depilazione con la tecnica laser e ho vissuto la cosa con un po' d'ansia. Cosa devo fare per chiarire la situazione? Un'ecografia può essere utile? A che tipo di medico devo rivolgermi? Dermatologo? Senologo? Angiologo? Fisiatra?
Grazie in anticipo per quanto potrete dirmi.

[#1] dopo  
Dr.ssa Nicole Romeo

24% attività
16% attualità
12% socialità
GUIDONIA MONTECELIO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
È un medico chi le ha fatto il laser ascellare?
All'autopalpazine del seno e cavi ascellari percepisce noduli ,zone indurite , dolenzia?
Per sicurezza e prevenzione dovrebbe effettuare radiografia mammaria ed ecografia.
Si rivolga ad un senologo.
Cordiali saluti
Dr.ssa Nicole Romeo
Medico Chirurgo
Specializzata in Psichiatria
Specialista Psicoterapeuta

[#2] dopo  
Utente 487XXX

Gentile dottoressa, purtroppo ho fatto il laser in un centro estetico e mi rendo conto che è stata un'imperdonabile leggerezza. Qualunque sarà la diagnosi non lo ripeterò senz'altro. All'autopalpazione non sento noduli, né gonfiori alle ascelle. Sento la mammella indurita nelle zone laterali in basso, dove mi fa male. Il dolore in questi ultimi giorni è regredito e anche la mammella è molto più morbida. Mi ha aiutato molto indossare un reggiseno comodo e che sostiene, con cui ho dormito anche di notte. Ho notato che se sono agitata il dolore si amplifica, se sono calma lo avverto poco o nulla, quindi mi viene da pensare che la componente emotiva costituisca un fattore importante. Il primo doloretto è comparso circa al quinto giorno del ciclo e si è acutizzato al decimo, ma col ciclo ci capisco ben poco perché negli ultimi anni, causa l'età e uno stress latente che mi dà diverse manifestazioni psicosomatiche, è diventato veramente irregolare e varia dai 15 ai 40 giorni come se niente fosse. Ho fatto recentemente, un paio di mesi fa, sia mammografia sia ecografia. Entrambe erano negative. Tornerò sicuramente dal senologo per una visita. Spero si tratti di qualcosa di passeggero, e che il laser per me sia stata solo una causa scatenante di ansia. Grazie per la risposta.

[#3] dopo  
Dr.ssa Nicole Romeo

24% attività
16% attualità
12% socialità
GUIDONIA MONTECELIO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2018
Come le ho scritto è bene che si faccia visitare da un senologo.
Per quanto riguarda l'ansia , sicuramente può amplificare sensazioni e sintomi.
Da ciò che riferisce inoltre pare che ci sia anche una sindrome pre-menopausa...e in tale sindrome può presentarsi o accentuarsi l'ansia.
Per cui rivolgersi un ginecologo/senologo che eventualmente le prescriverà anche un dosaggio ormonale, è cio che le consiglio di fare.
Cordialmente
Dr.ssa Nicole Romeo
Medico Chirurgo
Specializzata in Psichiatria
Specialista Psicoterapeuta