Utente 238XXX
Salve,
in seguito ad una fascite plantare mi sono sottoposto ad un trattamento di onde d'urto con relativa anestesia senza ottenere risultati.Sentendo un altro parere in merito mi è stato proposto un ulteriore trattamento con onde d'urto ma con quelle che non hanno bisogno di anestesia.
Ora volevo capire che differenza c'è tra quelle con anestesia e quelle senza?Per il mio tipo di patologia quali sono più indicate?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Esistono tre tipi di onde d'urto: focalizzate, defocalizzate e radiali; nessuna richiede necessariamente l'anestesia.
Nelle patologie muscoloscheletriche le più utilizzate sono le onde d'urto focalizzate e le radiali (o balistiche), le defocalizzate hanno indicazioni in altri ambiti specialistici (dermatologia, reumatologia, neurologia).
Le onde d'urto focalizzate sono le più indicate per il trattamento della fascite plantare e più in generale di tendinopatie calcifiche (e non) e di entespopatie. (le onde d'urto radiali hanno più valido impiego nella patologia muscolare da traumatologia dello sport).

Esistono diverse tipologie di apparecchiature che erogano onde d'urto focalizzate che si differenziano per il tipo di generatore delle onde: elettromagnetico, elettroidraulico, piezoelettrico.
A seconda del tipo di generatore e di altre caratteristiche del trasduttore l'applicazione può risultare più o meno dolorosa, ma in genere con adeguata informazione al paziente è possibile condurre adeguatamente la seduta di trattamento senza particolari accorgimenti.
E' possibile che nel suo caso sia stata impiegata un'apparecchiatura che provoca più facilmente dolore e l'utilizzatore preferisca utilizzare l'anestesia al fine di poter effettuare adeguatamente la seduta.

Io mi occupo di onde d'urto presso la mia ASL, effettuo personalmente circa 800 sedute di trattamento all'anno e non ho mai usato l'anestesia locale, utilizzo un'apparecchiatura ad onde d'urto focalizzate con generatore elettromagnetico.

Saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione