Utente 232XXX
Gentili dottori,
Descrivo in breve la mia situazione: nell'agosto 2012 ho subito una frattura composta alla vertebra d11 in seguito ad una caduta da cavallo e ho poi intrapreso la terapia di 3 mesi con il busto c35 e tanto riposo. Trascorsi i tre mesi sono passata a un busto semirigido e ho iniziato dei trattamenti con infrarossi e magnetoterapia. Ho iniziato anche a fare un po' di movimento in piscina come mi aveva consigliato il fisiatra (solo dorso) finché ho iniziato a non tollerare più il busto semirigido (avevo forte colite nervosa) così, contrariamente a quanto aveva previsto il medico l'ho tolto. Il fisiatra stesso si è dimostrato però sorpreso dal miglioramento che avevo avuto e mi ha detto che non avrei avuto bisogno di un'altra visita, mi ha consigliato soltanto di non fare sforzi pesanti e non riprendere l'equitazione per almeno un paio di anni.
Intanto dai referti la vertebra risulta discretamente compressa ma non ci sono altri danni.

Il problema è che vorrei ricominciare a correre all'aria aperta perché mi sento ferma da troppo tempo e la corsa è l'unico sport che mi fa sentire bene insieme all'equitazione. D'altra parte però ho paura che possa farmi male. Ho anche preso qualche chilo in questo periodo, ma non sono in sovrappeso. Vorrei un vostro consiglio.

Grazie anticipatamente e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ha eseguito un esame Rx di controllo? Se si', quando? Con quale referto?
Cordialita'
Dr. A. Valassina
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Salve, ho fatto l'ultima radiografia a circa 6 mesi dell'incidente e il referto riportava uno schiacciamento modesto della vertebra con accentuazione della fisiologica cifosi dorsale. Poi né il fisiatra né l'ortopedico hanno ritenuto necessario un altro esame di controllo, mi hanno detto che sarebbe stato meglio evitare di sottopormi a troppe radiazioni. Mi è stato detto soltanto di riprendere piano piano le mie attività e di continuare con la piscina, ma io vorrei correre. Resto in attesa di un suo riscontro e intanto la ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Valassina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Se l'esame Rx di controllo ha dimostrato la guarigione della frattura senza deformazioni significative sul piano geometrico e senza instabilita' allora puo' riprendere la sua attivita' iniziando con ginnastica in scarico e nuoto in modo da potenziare la muscolatura del tronco fuori dal carico. Dopo tale preparazione potra' tornare a correre.
Nota:informazione web richiesta dall'Utente senza visita clinica; non ha valore di diagnosi, trattamento o prognosi che si affidano al medico curante

[#4] dopo  
Utente 232XXX

Grazie mille, proverò in ogni caso a riprendere la corsa gradualmente.
Cordiali saluti