Utente 395XXX
Buonasera.
Sono un ragazzo di 24 anni che circa 2 anni fa si è sottoposto ad un intervento per ricostruzione di LCA con tendini gracile e semitendinoso autologhi in seguito a lesione completa dello stesso legamento, ma senza ulteriori danni a carico dell'articolazione e dei menischi.
Vorrei ricominciare l'attività sportiva amatoriale che praticavo prima dell'infortunio, ma, nonostante abbia fatto riabilitazione subito dopo l'intervento, abbia praticato nuoto, e stia continuando con esercizi specifici in palestra, non vi è stato un recupero totale o che quantomeno mi faccia stare "tranquillo" per quanto riguarda i muscoli posteriori della coscia, in particolar modo per i muscoli i cui tendini sono stati prelevati per eseguire la ricostruzione.
Trovo che i muscoli non siano tonici quanto dovrebbero, sia se messi in confronto a quelli dell'arto non operato sia confrontati a quelli dello stesso arto pre-infortunio. Tuttavia c'è anche da dire che avevo (e ho, bene o male, tutt'oggi) delle gambe ipertrofiche. Per il resto non ho né problemi di dolori o fastidi cronici all'articolazione, né problemi di mobilità e/o flessione massima.
Quindi le mie domande sono:
- è normale che i muscoli in questione non siano tonici quanto dovrebbero e che il recupero di tonicità e volume da parte degli stessi sia così lento?
- dovrei ricominciare a poco a poco anche la corsa al fine di allenarli al meglio? Fin'ora ho fatto solamente cyclette.

Vi ringrazio anticipatamente per le risposte e il tempo dedicatomi!

[#1] dopo  
Dr. Roberto Morello

36% attività
0% attualità
16% socialità
SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT)
CALTAGIRONE (CT)
CATANIA (CT)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
Buonasera,
Certo due anni sono parecchi ma dipende come è stata fatta la riabilitazione, per quanto tempo e con che intensità. Niente peró è perduto!!! Fortunatamente il muscolo se viene allenato con metodo puó crescere di dimensione e di prestazioni. Le consiglio di fare una visita specialistica da un medico fisiatra che la valuterà muscolarmente e proporrà un percorso riabilitativo per favorire il recupero funzionale della sua coscia.
Spero di esserle stato utile

Cordiali saluti
Dr. Roberto Morello
Medicina Fisica e Riabilitativa
DIU Médecine manuelle-Ostéopathie, Hôpital Hotel Dieu Paris
Ecografia muscolo scheletrica SIUMB