Fitta al polpaccio dx

Circa un anno fa ho incominciato ad avvertire delle fitte lancinanti al polpaccio dx. Sono fitte improvvise e molto dolorose, che però durano pochi secondi. La frequenza è a "periodi". Mesi non succede nulla e mesi si presenta con più frequenza. Le fitte sono "fulminanti", ma non pregiudicano per niente la deambulazione. Dopo essere passate posso anche saltare sulle gambe senza avvertire il minimo dolore. Il medico curante mi ha prescritto una ecografia che non ha evidenziato nulla. Si consigliava, eventualmente, un ecodoppler per vedere se ci fossero problemi alle vene profonde. Il mio medico non è daccordo all'effettuazione dell'ecodoppler perchè dice che se soffrissi alle vene avrei dolenza continua, turgidità del polpaccio e difficoltà nel camminare (cose che effettivamente non ho). Mi ha consigliato di assumere per 30 giorni delle bustine di sali di magnesio (Mag2) e vedere come andava. Nel mese dell'assunzione e nel mese successivo non ho avvertito alcuna fitta, fino a 15 giorni fa. Allora il medico mi ha consigliato di continuare a prendere il Mag2, anche perchè non è un medicinale ma un sale naturale. Il problema è che dopo una settimana dalla nuova assunzione del magnesio ho nuovamente avvertito le fitte ( per la precisione 3 una di seguito all'altra nello spazio di 1 minuto). Allora il magnesio non è di alcun giovamento? Cosa pensate del mio caso? Devo convivere con queste ricorrenti fitte? Devo pensare ad un'eventuale problema venoso? Grazie per la Vs gentile risposta.
PS
Le fitte generalmente avvengono a riposo, mai facendo attività sportiva ( ho 57 anni e faccio un pò di nuoto in piscina). Qualche volta nuotando ho avvertito l'inizio di qualche crampo.
[#1]
Dr. Salvo Catania Oncologo, Chirurgo generale, Senologo 31,7k 1,2k 77
Se non si tratta di un problema vascolare proverei a fare una visita ORTOPEDICA almeno per un inquadramento diagnostico differenziale.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa