Utente
Gentili Dottori,
ho già postato la mia richiesta nella sezione ematologia,dove mi ha fornito risposte esaurienti il Dottor Baraldi,tranquillizandomi,tuttavia vorrei anche un secondo parere.Tre anni e mezzo fa ,per errore ho utilizzato lo spazzolino da denti del ragazzo della mia compagna di stanza(abituata a cambiare spesso patners e a non usare precauzioni).Io l'ho usato prima di lui,quindi il suo ultimo utilizzo risale a diverse ore prima.Sullo spazzolino non erano presenti che ricordi tracce di sangue e comunque io ho l'abitudine di sciacquarlo sempre prima di ogni utilizzo sotto l'acqua.Credete che debba preoccuparmi per un eventuale contagio da hiv?
In attesa di risposta,Vi ringrazio e Vi porgo
Distinti Saluti

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Mi pare che il Collega le abbia gia' risposto rassicurandola oltre ogni ragionevole dubbio... Ma la domanda che mi sorge spontanea e': il ragazzo della sua amica era sieropositivo oppure malato di HIV?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottor Spina,La ringrazio per questo Suo intervento.per rispondere alla Sua domanda,no,non era malato o sieropositivo ma purtroppo la mia compagna di stanza aveva l'abitudine di cambiare spesso patners(anche se questo lo conosceva bene) e avere con loro rapporti non protetti.so di poter risultare troppo malfidente ma come si dice,la prudenza non è mai troppa.ho scritto qua perchè su internet ci sono troppe informazioni a volte discordanti e quindi preferivo sentire il parere di un esperto.ho chiamato anche il telefono verde aids e anche là mi hanno tranquillizzata,a quanto leggo sarebbe di questa opinione anche Lei,quindi posso mettermi il cuore in pace?Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Utente
Gentile Dottor Spina,La ringrazio per questo Suo intervento.per rispondere alla Sua domanda,no,non era malato o sieropositivo ma purtroppo la mia compagna di stanza aveva l'abitudine di cambiare spesso patners(anche se questo lo conosceva bene) e avere con loro rapporti non protetti.so di poter risultare troppo malfidente ma come si dice,la prudenza non è mai troppa.ho scritto qua perchè su internet ci sono troppe informazioni a volte discordanti e quindi preferivo sentire il parere di un esperto.ho chiamato anche il telefono verde aids e anche là mi hanno tranquillizzata,a quanto leggo sarebbe di questa opinione anche Lei,quindi posso mettermi il cuore in pace?Cordiali Saluti

[#4]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ma se il ragazzo non era sieropositivo che cosa c'entra l'abitudine della sua amica di cambiare spesso partner e di non utilizzare precauzioni? Casomai potra' essere un problema suo: cosi' facendo prima o poi questa ragazza potra' magari imbattersi in un partner infetto da AIDS. Ma lei ha avuto solo un contatto indiretto e molto aleatorio, e per di piu' con una persona sana: dov'e' il rischio?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottor Spina,
forse c'è stata un'incomprensione,forse non ho espresso in maniera chiara che il ragazzo in questione aveva rapporti non protetti con la ragazza prima citata.quindi se lei in ipotesi fosse sieropositiva,lui potrebbe esserlo altrettanto,ecco da dove nasce la mia paura.Però tutti i dottori che ho consultato,mi hanno tranquillizzata e ribadito come Lei ha fatto che il contatto è stato indiretto.Il mio ragazzo con il quale ho avuto a volte rapporti non protetti è nell'esercito e quindi fa annualmente controlli del sangue compreso quello hiv,il fatto che sia sieronegativo(senza che io esegua a mio volta il test per questa faccenda per mia maggiore tranquillità)dovrebbe comunque tranquillizzarmi e confermare il fatto che nache io lo sono?
La ringrazio
Cordiali SAluti

[#6]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Mi scusi, ma il mio pensiero faceva seguito alla sua affermazione di martedi' scorso, nella quale scriveva: "no,non era malato o sieropositivo". Oggi invece ci dice: "quindi se lei in ipotesi fosse sieropositiva,lui potrebbe esserlo altrettanto". Allora? Era sieropositivo o no?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#7] dopo  
Utente
Gentile Dottore,mi scusi ma come faccio a saperlo?cioè so che entrambi non avevano malattie apparenti,nel senso stavano bene e tutt'ora ho contatti con loro ma questo non significa che possano essere sieropositivi senza saperlo e questo lo dico soprattutto per le abitudini sessuali della ragazza,altrimenti non mi sarei affatto preoccupata di aver usato lo spazzolino di lui!so che il virus ha diversi anni di incubazione,per questo anche se sono passati tre anni e mezzo resta la preoccupazione.però credo che se avessi contratto il virus,anche il mio ragazzo sarebbe sieropositivo visto che abbiamo avuto rapporti non protetti o sbaglio?

[#8]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
I rapporti "facili" non danno la sieropositivita', casomai aumentano i rischi di MST. Comunque se non lo sa lei che lo conosce, figuriamoci noi...!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#9] dopo  
Utente
Gentile Dottore,certamente,intendevo dire questo,che aumenta il rischio in questo senso.comunque non ha risposto alla mia domanda,vista la sieronegatività del mio ragazzo,posso stare tranquilla anche rispetto al mio stato? cordiali saluti

[#10]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
No, non puo' basarsi sulla sieronegativita' di qualcun'altro (sia pure il suo partner) per essere certa di non essere sieropositiva: dovrebbe casomai fare il test lei stessa, ma come gia' le e' stato detto piu' volte, sia dal sottoscritto che da Specialisti ben piu' qualificati di me in questo campo, sembra estremamente improbabile che nelle condizioni da lei descritte lei si sia a suo tempo infettata.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com