Utente
Buongiorno a tutti, vorrei un parere su questo mio problema che mi assilla ormai da mesi.

Premessa: Soffro di Pancolite ulcerosa da 1 anno e mezzo, tuttavia ora in remissione.

Il problema principale è che ho febbre da Giugno. Inizialmente la febbre raggiungeva al massimo 37.5/38.
Contattando il mio medico ha imputato all'infiammazione del mio colon la causa della febbre. Pertanto il mio gastroenterologo mi ha prescritto Deltacortene 25mg da assumere per 2 mesi, inizialmente 2 compresse al giorno, per poi scalare di 1/4 ogni settimana. Questo dopo aver provato per 10gg Macladin 500 e Augmentin solubile.

Nel periodo di assunzione del Deltacortene non ho avuto problemi...sono stato benissimo. Appena ho terminato ad Agosto il cortisone ecco ripresentarsi il problema in maniera più grave.

Da circa 1 mese e mezzo ho ancora febbre ogni giorno...inizialmente arrivava a 38 massimo...da qualche giorno ho sempre e solo 39/39.5

Da 10gg ho contattato un infettivologo, ma data la scarsa disponibilità di posti letto nell'ospedale gli è impossibile seguirmi al momento.
Di seguito nserisco i risultati ultimi degli analisi effettuati il 10/09:

Globuli bianchi 10.400
Globuli rossi 4.400
Emoglobina 12,2
Ematocrito 36
Volume corpusc. medio 82
Emoglobina corpusc. conc. 34
granulociti neutrofili 57
granulociti eosinofili 3
granulociti basofili 0
linfociti 24
monociti 16
Piastrine 297
Sodio siero 144
VES 1h:77 2h:91 ind.di Katz 61,25
Potassio siero 4,34

Esame urine completo:
Colore II
aspetto limpido
ph 1030
muco pus tracce minime
Qualche ammasso di urati amorfi, alcuni leucociti mal conservati, cellule delle b.v.u.

COLTURA ESSUDATO FARINGEO:
streptococchi negativo
Stafilococco aureo positivo

TAS siero 245
Creatinina 1,31

Possibile diagnosi dell'infettivologo: GLOMERULONEFRITE

Vorrei sapere da voi se posso aspettare o devo ricoverarmi subito altrove.
acido Urico siero 6,8

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Ovviamente in caso di glomerulonefrite il ricovero avrebbe dovuto essere immediato. Tenga anche conto della possibilita' che pero' l'infezione possa derivare da tutt'altro: non esiterei a valutare, tra le altre cose, anche l'apparato respiratorio.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2]  
Attivo dal 2011 al 2011
Gromerulonefrite, da cosa lo si deduce?
La presenza di muco -pus, indica un'infezione delle vie urinarie, ma la glomerulonefrite, ha più una genesi autoimmune (Presenza di immunocomplessi), che di uninfezione acuta. Ho letto le sue analisi: i leucociti sono un pò aumentati, ma la formula leucocitaria è buona, alta laVES, fattore aspecifico d'infiammazione. Il suo quadro appare multiforme. Ha fatto l'antibiogramma nel tampone faringeo? Personalmente depongo per un'infezione delle vie urinarie, anche se non si parla di batteriuria e di uno stato infiammatorio, che per me, non può che essere n.d.d, ma che, in relazione alla sua "Pancolite Ulcerosa", mi porta a pensare alla possibilità di un fatto infiammatorio su base verosimilmente autoimmune. Vista la complessità della vicenda, che porterebbe a ricerche più specifici autoanticorpi: Ana, Ama, anco, ecc, dosaggio del CO3 (frazione del complemento), magari indagini per immagini, credo che l'idea di un ricovero in una U.O. di Medicina Interna, potrebbe essere una buona idea