Utente
buongiorno, vorrei chiedere un consulto relativamente a mia flglia, di 3 anni e 6 mesi che nell'ultimo periodo ha manifestato i seguenti sintomi:

dal 20/dic 07 al 26dic07: tosse persistente secca e profonda,temperatura sempre intorno ai 37-37,5° (la temp. normale di simona è circa 36,5°) curata con aerosl di cleanil e friubron 3volte/dì); al 26dic07 nessun deciso miglioramento.


26dic07: visita in PS dopo che la tosse non migliora; diagnosi di tonsille infiammate; cura di 9GG(fino al 4/1/08) di clauvolin 3volte/dì + areosol forbest+broncovaleas 7GTT(fino al 31/12/07)

dal 26dic07 al 01gen08: nel corso della cura la tosse migliora(di meno e + grassa) ma rimane la temperatura intorno ai 37,5. il giorno 1gen08 ha un picco febbrile di circa 39° come sintomi naso che cola, dopo un giorno di tachipirina la temperatura torna normale.

02gen08: il naso che cola è sparito in un giorno, la temperatura è normale, simona è vispa e allegra, su consilgio della pediatra sospendiamo broncovaleas e continuiamo il clauvolin

03gen 08: dopo 1 giorno senza broncovaleas ritorno della tosse(grassa) e rialzo della temperatura.
vorrei un vs parere sull'opportunità di fare esami più specifici e quali.
grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,le faccio alcune domande:
la piccola frequenta il nido? ha un fratellino/sorellina che frequentano asili o scuole? Avete impianti di condizionamento a casa o in auto? In famglia altri hanno gli stessi sintomi? In che orari ha misurato la febbre?
La tosse è di tipo accessuale ossia con attacchi più violenti che quasi le tolgono il respiro?
Ha fatto qualche vaccinazione di recente?

Alcune osservazioni sulla terapia: il mucolitico fino a 4 anni in genre non si dà perchè il muco si fa più liquido, scende nei bronchi più piccoli e loro non sano "spurgare" con il risultato che dopo un iniziale miglioramento, ripeggiorano.
Il broncovaleas...7 gocce son troppe a 3 anni (nell'adulto da 6 a 8 massimo..) e comunque va diluito con soluzione fisiologica, tassativo, almeno 1,5-2cm tirati con una siringa da una fialetta.
Perchè è stato dato il broncovaleas? C'era broncospasmo?
L'antibiotico è stato somministrato con precisione secondo il suo peso?

A parte i test possibili (Mycoplasma, Bordetella ecc ecc, asociati ad emocromo con formula e determinazione delle immunoglobuline) non sottovalutate l'inalazione di corpi estranei (piccoli oggettini, palline) anche nelle narici che potrebbero scatenare il broncospasmo e mantenerlo, influenza concomitante a parte (eventualità non rara).

Non potendo visitare la piccola non saprei darle altre indicazioni sufficientemente attendibili.

Mi faccia sapere.
Cordialmente


[#2] dopo  
Utente
d.ssa Pozzi, grazie per la risposta,
simona è figlia unica e frequenta la materna, le febbre la misuriamo mattina pomeriggio e sera agli stessi orari + o meno (10, 16, 22) e la tosse è del tipo che lei mi dscrive, ad "attacchi". nessuna vaccinazione recente.

sulla terapia devo dire che ci siamo attenuti a quanto prescritto il 26/12 dal pediatra di PS. le 7 gtt di broncovaleas sembravano tante anche a noi e infatti abbiamo fatto 6 per 2 volte/dì (con 2,5 cc di fisiologica ovviamente, anche se mi sono scordato di scriverlo.)
simona non aveva broncospasmi ma il 26/12 quando l'abbiamo portata al PS abbiamo notato un certo affanno nel respirare.

nel frattempo simona non è migliorata e venerdì 4/1/08 l'abbiamo rifatta visitare dalla ns. pediatra che gli ha riscontrato dei rantolii nella parte bassa del polmne dx.
ci ha interrotto tutte le terapie e ne ha istituita un'altra di 2 cicli di zitromax in quanto secondo lei i rantolii sono determinati da un'infezione polmonare diffusa nella ns. zona.
ci ha inoltre avvisato di riportatrla da lei(per una visita e una probabile lastra ai polmoni) nel caso entro 3 gg di zitromax non ci fossero evidenti segni di miglioramento.

Ad oggi pare che qualche miglioramentoci sia (tosse diminuita e febbre assente) ma stiamo ancora tenendola sotto osservazione in quanto la terapia terminerà il 13/01; nel caso non funzionasse simona dovrà essere ricoverata per esami + approfonditi in quanto noi come genitori abbiamo fatto il possibile.
La ringrazio cmq per la sua gentile risposta e per i consigli che ci ha dato.
CCordiali saluti
terzi ivan

[#3]  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Signor Ivan
nella mia modesta esperienza pediatrica, ricordo bene che la somministrazione di azitromicina comportava un veloce miglioramento ed un successivo drammatico peggioramento (per la qual cosa segnalai a suo tempo molti anni fa questo rilievo alla commissione apposita).
certamente conviene fare le prove sierologiche per le infezioni sospette ed eventualmente procedere ad un RX se non si viene a capo della cosa.
Fatemi sapere per favore.Cordialità
Agnesina Pozzi