Utente
Gentili Dottori,

Sono un ragazzo di 22 anni, vi sottopongo la mia situzione clinica alla ricerca di un eventuale consiglio per poter finalmente raggiungere ad un po di chiarezza. Da piu di un anno ormai sono accompagnato il pomeriggio prevalentemente, da una fastidiosa febbricola, il tutto è iniziato con un giorno di febbre a 38 e poi nei giorni successivi stabilizzatasi attorno al37.1-37.3.Il Mattino la temperatura è normale poi dopo pranzo sale fino a sera.Da quel giorno mi perseguita una gran stanchezza(soprattutto ai muscoli delle cosce) e tosse secca che viene e se ne va.Premetto che è diversi anni che ho una linfodenopatia generalizzata soprattutto inguinale.Comunque dal giorno di febbre la cosa si ripete continuamente e ormai nn riesco piu nemmeno a contare tutti gli esami svolti.Per semplicita vi elencherò gli esami svolti e riporterò il risultato solo di quelli non esatti.

Gennaio 2007: Esame del sangue completo, urinocultura,
-Titolo antistrptolisinico 232 * <200
-Ric.Ab Anti Cytomegalovirus igG (EIA) >35 * <0,7
-Ric.Ab IgG Anti Vca V.EPSTEIN B. 7.0 * Positivo
Il resto dei risultati sono perfetti, tra cui Ves, Proteina C reattiva, Profilo proteico,formula leucocitaria,Tine-Test.

A seguito di questi analisi sembra poter credere che il tutto possa essere causato da postumi di una forte mononucleosi avuta pochi anni prima. Il tempo passa ma le cose nn cambiano. Vado a fare una visita otornilaringoiatra che individua il possibile problema invece in 2 tonsille praticamente marce che mi consiglia immediatamente di togliere. Nella speranza di risolvere questa situazione dopo poco le faccio togliere e nel maggio 2007 avviene l operazione.Durante gli esami pre-operatori mi viene riscontrato un CPK nel sangue molto elevato, sul ordine del 800.Li per li non si è dato peso alla cosa e si è proceduto al operazione.A distanza di un mese dal operazione e al avvicinarsi di una completa guarigione la febbricola continuava però a colpire.Mi rivolgo nuovamente al mio medico e gli chiedo se è possibile che il Cpk elevato che precedentemente mi era stato diagnosticato potesse aver una qualche dipendenza su questa febbricola.Cosi ripeto nuovamente gli esami, ovviamente in assoluto riposo e ho ancora un CPK elevato ed un LDH basso( 152 * Val nominali “230-460”) . Ripetuti piu volte gli stessi esami ne CPK ne LDH sono rientrati nel range nominale previsto. Il mio medico cosi mi prescrive una visita reumatologica. In attesa della visita eseguo altre analisi di routine tra cui, RX torace, Visita urologica per fastidiosa pesantezza perinele(Riscontrato varicocele di 3° grado da operare),Ecocolordopler Cardiaco.Da nessuno di questi esami esce nulla. Mi presento cosi allavisita Reumatologica con tutti i miei esami, Il dottore, gentilissimo, mi prescive altri esami del sangue da fare, piu specifici, per poter meglio capire che direzione prendere. Il risultato è: Numero linfociti: - CD 3 (linfociti T) 66 * 68-82
- CD 4 (Linfociti T helper)28* 35-55
- CD 19 (Linfociti B) 5 * 7-12
- CD 16 (linfociti NK) 24 * 8-22
Le variazioni rispetto i valori nominali sono minime quindi anche qui non si sa piu che direzione prendere. È possibile che in qualche modo le vecchie infezioni di Cytomegalovirus ed Epstein B siano tuttora motivo di questa mia situazione clinica?O comunque avreste altri esami da consigliarmi per ricercare le possibili cause ed uscire da questa fastidiosa situzione? In attesa di vostri numerosi consigli vi porgo i miei più cordiali saluti.

[#1]  
Riprenda contatto con il Reumatologo, e magari senta un Infettivologo.
In effetti qualcosina c'è.

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, la ringrazio per la tempestiva risposta, ma vorrei saperne un attimo di piu. Lei mi dice qualcosina ce, secondo la sua esperienza che pensa lei? cosa potrebbe essere?Nel frattempo riprenderò velocemente i contatti con il reumatologo. Grazie ancora.

[#3]  
Le modificazioni nelle quote delle "sottopopolazioni linfocitarie" sono solitamente espressione i infezione virale, a meno che ci siano terapie in corso (ad esempio cortisone). Di quale virus si tratti è impossibile dirlo via mail. Qualche ulteriore accertamento è necessario.

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua cortesia, questa mattina stessa mi rivolgerò al mio reumatologo. Ci sono altri esami specifici che lei ritterrebbe opportuno fare per capire dove inirizzarsi?grazie

[#5]  
Aspetterei di sentire cosa dice il Medico che la vedrà.
Mi faccia sapere.

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore, come da lei consigliato ho ripreso contatto con il mio reumatologo, le variazioni degli esami precedentemente scritte sono di lieve entità e di consegueza non ne ha dato peso. Nel suo campo ha detto che si puo escludere qualcosa di grave...Dove mi consiglia di sbattere la testa?? grazie

[#7]  
"Sbatta la testa" da un Infettivologo.
Ma serenamente.

[#8] dopo  
Utente
Va bene, adesso provermo anche questa...Sembra una storia senza fine..

[#9] dopo  
Utente
gentili dottori, il mio medico di base suggerisce che il problema puo realmente essere: Ric.Ab Anti Cytomegalovirus igG (EIA) >35 * <0,7, forse causato da postumi di mononucleosi; ma come si puo curare questa cosa? grazie

[#10]  
Una terapia specifica non esiste, ammesso che si tratti di "postumi" di mononucleosi (dagli esami così non si può dire).
Ad ogni modo se così fosse è destinata a guarigione spontanea, prima o dopo.
Se persiste la febbricola ripeta le sottopopolazioni linfociatrie, ed il CPK.

[#11] dopo  
Utente
Gentile dottore, ho riguardato esami di 3 anni fa quando ero ricoverato in ospedale per mononucleosi e le sottopopolazioni linfocitarie avevano le stesse esigue variazioni. Quindi penso siano valori particolarmente stazionari, per quanto riguarda il cpk quest anno è stato riscontrato elevato 5 volte su 5. Se il massimo rel range dovrebbe essere minore di 250, i miei valori oscillano tra 350 ed 800, sempre eseguiti a riposo ovviamente. Nonostante queste ben visibili variazioni tutti i medici con cui ho parlato hanno definito la cosa abbastanza tracurabile dato che se si trattasse di qualche malattia muscolare i valori sarebbero dovuti essere ben piu elevati.Ho effettuato anche rx al torace come precedentemente detto, negativo, però sento sempre un certo fastidio nel respirare( sotto lo sterno) che mi causa frequentemente necessità di tossire.Che mi consiglia? perchè tutti i dottori qui mi rispondono in modo vago, e dopo 1 anno e mezzo quasi le posso assicurare che è davvero fastidioso.grazie

[#12]  
Molto personalmente, una elevazione costante della CPK richiede un approfondimento specifico, attraverso una elettromiografia ed una biospia muscolare, per escludere una sofferenza muscolare primaria ("miopatia").
Credo che, a questo punto, questo modo di procedere sia divenuto indispensabile, perchè altrimenti permarrebbero mille dubbi non chiariti.
Mi faccia sapere.