Utente
Buongiorno, ho scoperto di aver respirato dell'amianto per quasi 10 anni anni a causa di una porta che strisciava nel pavimento del bagno di casa mia in vinil amianto; ogni volta che la porta veniva aperta, questa strisciava sul pavimento in vinil amianto, rendendolo completamente abraso, ma non entrerò nei particolari, arrivando al dunque vorrei sapere che tipo di visite dovrei fare per prevenire qualche tumore, e con quale frequenza.
In questo modo di quanto potrei ridurre il rischio di contrarre qualche malattia o tumore dovute all'amianto?
Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica

Gentile utente,

dal sito del Ministero della Salute ho estratto il concetto che riporto sotto:

>> La pericolosità dell’amianto dipende dal grado di libertà delle fibre, ossia dalla capacità dei materiali di rilasciare fibre potenzialmente inalabili; la presenza in sé dell’amianto, infatti, non è necessariamente pericolosa, lo diventa qualora le fibre vengano sprigionate nell’aria, per effetto di qualsiasi sollecitazione (manipolazione/lavorazione, vibrazioni, correnti d’aria, infiltrazioni di umidità etc.) <<

estratto da : http://www.salute.gov.it/dettaglio/pdPrimoPiano.jsp?id=111&sub=2&lang=it

Ciò significa che non necessariamente ci sia stata un'esposizione a "rischio". Per saperlo sarebbe utile contattare un'Agenzia (può chiedere un riferimento alla sua ASL) deputata allo smaltimento dell'amianto per ottenere una valutazione della presunta esposizione. Per quanto concerne i controlli clinici dovrà fare riferimento ad un pneumologo.

Cordiali saluti


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it