Utente
Salve Dottori,
da circa un mesetto ho inizato a soffrire di un fastidio nella zona addominala (in basso a destra).

All''inizio era più un leggero bruciore che ogni tanto avvertivo, poteva capitare in punti diversi ma sempre nella stessa zona, nel senso che non era un punto preciso ad esempio come uno spillo che ti buca... era più un fastidio di bruciore.

Son passati dei giorni sperando che mi passasse ma invece è aumentato sino a provocare un fastidio più grande, quasi un dolore, che si irradia sempre nella zona bassa dell''addome a destra, sino ad arrivare all''inizio del bacino e a volte anche verso i testicoli.

Preso dallo spavento che potesse esser qualcosa tipo appendicite mi sono recato a fare i vari controlli.

Esito medico del pronto soccorso (purtroppo ho la residenza altrove e son dovuto andare al pronto soccors):

- esami di palpazione tutti negativi, niente di anomalo.
- pressione nella norma
- temperatura corporea nella norma
- emocromo tutto nella norma
- dolore alla digitopressione nella zona LS dx.

Mi ha dato una cura di Ibuprofene per 6gg, Lucen x 10gg come gastroprotettore e la richiesta di far una RMN LS DX.

Ho iniziato le medicine e nel mentre per star più tranquillo sono andato a fare un''ecografia privatamente.

Risultato ecografia:

- nessuna ansa intestinale che possa ricondurre ad un''appendicopatia
- dimensioni nella norma
- leggero aumento del meteorismo colico

Quindi sino a qui tutto a posto.
Martedì 24 ho eseguito la RMN LS DX e devo attendere le risposte che me le consegneranno Lunedì 30 (tra 4 giorni).

Ora a distanza di ormai un mese si verifica che:

- nell''ultimi dieci giorni ho avuto due volte una febbrettina che sale sino a 38 e poi è sparita (frescata di stagione? infezione interna? Boh).
- i dolori addominali (più che dolori come punture sono dei grandi fastidi) sono ancora presenti e a giorni alterni sono o assenti o forti da disturbare molto.
- alla pressione sull''addome, o facendo attività non provo dolori.
- formicolio nella zona interessata (ogni tanto)

I medici finora sono stati molto generici, hanno pronosticato tutto e niente:

- probabile pubalgia
- probabile cruralgia
- probabile ernia

Fatto sta che dopo un mese sono ancora qua e ovviamente sto iniziando ad averne (passatemi l''espressione) "le scatole piene".

Vorrei se possibile un parere anche da voi, consigliandomi eventualmente ulteriori accertamenti di altro tipo.

Grazie mille.
Buona giornata.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Con i limiti di un consulto a distanza,
potrebbe più semplicemente trattarsi di distensione gassosa del colon (meteorismo).
<<leggero aumento del meteorismo colico>>.
Qualcuno le ha consigliato degli antimeteorici?

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Salve Dr. e grazie della risposta, no nessuno mi ha consigliato degli antimeteorici.

A tutto questo però si va ad aggiungere che ormai da 6 giorni sono in casa con tonsillite, placche giganti e febbre sempre intorno ai 39 (giusto da oggi mi sta dando tregua la febbre).

Ovviamente sono seguito dal un medico il quale mi ha prescritto degli antibiotici, spiegandogli però la situazione di cui sopra (al medico che mi segue) mi ha riferito che al 99% tutto quel fastidio addominale possa esser riconducibile alle stesse placche in gola, nel senso che così come si sono create quelle placche in gola, il tutto è iniziato dal creare prima delle placche nell'intestino (che danno dolori e meteorismo) e poi sino alla gola... gli ha dato anche un nome di adeno... e qualcosa (non ricordo).

Possibile una cosa così totale? Dall'intestinto settimane prima, qualche febbretta di preavviso e poi lo scatenarsi anche in gola e febbroni sopra i 39?

La saluto e la ringrazio

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
A mio avviso placche e tonsillite sono una problematica svincolata dal meteorismo.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio del suo parere

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Si figuri.

Saluti Cordiali
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Salve Dott.re, non so se posso a distanza di quasi un mese ri-aprire questa discussione o se devo aprire un nuovo consulto. A logica, poro avanti questa discussione in modo da poterne ri-leggere lo storico.

Ad oggi 11 nov. i bruciori all'addome destro continuano (zona appendicite), come le ho scritto sopra ho eseguito esami del sangue, esami di palpazione, ecografia e infine anche la risonanza magnetica.

I medici mi hanno escluso:

- appendicite
- pubalgia
- cruralgia
- ernia

L'unica cosa che hanno trovato come le avevo già scritto è stato un leggero meteorismo.

In questi ultimi tempi per una ventina di giorni circa (dopo essermi ripreso dalla febbre con tonsillite) il bruciore non si è fatto vivo, se non al massimo 1-2 volte di cui manco ricordo.

Da un paio di giorni invece il bruciore si è rifatto vivo facendosi sentire circa 2-3 volte al giorno... e poi lasciando una sensazione di fastidio nella zona. Il bruciore dura giusto 2-3 secondi... so che può sembrar strano ma lo "stesso effetto" me lo fa se provo a tener tirati dei peli dell'addome in quella zona. Sento bruciore da dentro sino alla pelle sopra, proprio come l'effetto appena descritto.

Alla pressione non risulta dolore, nel praticare sport nessun problema, nessun tipo di fastidio nell'urinare.

Ritornerò sicuramente dal mio medico generale anche se non so più quali esami poter fare ancora, se potessi avere la sua opinione in merito ne sarei grato (anche se capisco che la situazione possa esser molto generica e quindi di difficile comprensione).

Grazie.
Saluti

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Credo che possa essere sempre attuale quanto le ho scritto in replica #1, oltre che utile farsi seguire da un gastroenterologo.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it