Utente
Salve. Per un'infezione urinaria 2 mesi fa ho preso Ciproxin 500 mg 2 compresse al giorno per 7 giorni. Per un'altra infezione un anno fa avevo preso levofloxacina per 5 giorni (non ricordo la dose). Questa classe di antibiotici indebolisce i tendini, rendendoli più vulnerabili a lesioni e rotture.
Volevo chiedere: questo indebolimento è permanente? Se no, dopo quanto tempo dalla fine della terapia i tendini si riprendono e tornano "normali"? Dipende dall'età?

Ringrazio anticipatamente chi mi risponderà.

[#1]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
I fluorochinolonici di III generazione non indeboliscono i tendini e non hanno effetti cumulativi negativi su queste strutture.
Sono state segnalate delle rotture tendinee, specie del Tendine di Achille, durante la terapia con tutti i Fluorochinoloni di III generazione, ma l'evento è classificato come molto raro.
Se realmente necessari vale per la classe farmacologica di cui stiamo parlando il discorso rischio/ beneficio: se una infezione richiede un fluorochinolone e ad esso non ci sono alternative il fluorochinolone si prescrive.
Se vi sono alternative e si teme, per motivi concreti una tendinopatia, si usano le alternative, considerando che le classi di antibiotici non sono rappresentate solo dai predetti fluorochinoloni.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.

Dr. Vincenzo Caldarola

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
mi perdoni ma non capisco: nel loro foglietto illustrativo c'è scritto che nell'uso di fluorochinoloni fra gli effetti collaterali rari vi sono tendiniti (o rotture in casi molto rari), anche a distanza di mesi dall'interruzione della terapia. Da questo deduco che questi antibiotici danneggino/indeboliscano i tendini, o sbaglio? Se s,i dopo quanto, approssimativamente, i tendini recuperano?

[#3]  
Dr. Vincenzo Caldarola

32% attività
16% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Se lei legge tutti i Foglietti illustrativi (RCP) di ciascun medicinale, prima di assumerlo penserà sempre di chiamare le Pompe funebri per organizzarsi il funerale.
Sono strategie con le quali le cause farmaceutiche si parano le terga, perchè se succede le rispondono "noi l'avevamo avvertita".
Prenda il foglietto illustrativo di un ACE inibitore come il Ramipril e poi mi dica se lo prenderebbe ancora dopo aver letto tutti gli effetti collaterali, anche mortali, descritti.Miliardi di persone in tutto il mondo prendono il Ramipril per l'Ipertensione e stanno benissimo.
Le tendinopatie da fuorochinoloni sono rare e certamente non riguardano i soggetti giovani. Inoltre una tendinopatia che insorga dopo tre mesi è molto dubbio che sia da ascrivere al farmaco.
Se ha paura ad assumere la Ciprofloxacina vada dal suo Medico e si faccia cambiare classe di antiinfettivo.
Ma poi non legga il R.C.P. perchè tra possibilità di epatite a decorso fulminante, possibilità di colite pseudomembranosa, di aumento dell'intervallo QTc con torsione di punta, possibilità di alterazioni ematologiche, sindrome di Steven Jhonson, necrolisi epidermica tossica...... Lei non prenderebbe nessun antibiotico.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola