Carenza rame

Buongiorno,
circa 8 mesi fa dopo aver notato un calo di energie e un'anomala caduta di capelli, sotto consiglio del dermatologo ho effettuato degli esami del sangue.
Tutto sembrava nella norma tranne una leggera carenza di rame.
Durante gli ultimi mesi ho preso degli integratori (ne ho provati 3 diversi) per integrare appunto il rame. Nonostante ciò il valore della cupremia piano piano ha continuato a scendere. Ora è a 40.
Evidentemente non si tratta di una carenza alimentare (cosa che comunque gia sapevo. Ho un'alimentazione varia e da quel che ho potuto calcolare assumo mediamente dai 2 ai 3 mg di rame ogni giorno che sono più che sufficienti per coprire il fabbisogno giornaliero).
Non ho mai avuto problemi di salute ne sintomi strani. Il mio medico di base non vuole prescrivermi altri esami sostenendo che non ho nulla. Ho visto un gastroenterologo che mi ha fatto fare solamente alcuni esami sulle intolleranze alimentari. Nessuno sa dirmi perchè la cupremia continua a scendere ma io nel frattempo non ho più le stesse energie di prima, me ne accorgo soprattutto quando faccio sport, mi stanco subito, oppure subito dopo ho bisogno di dormire anche se faccio solo un'ora di attività fisica, e nel giro di qualche mese ho perso un sacco di capelli. Non vorrei che sia l'inizio di qualche problema più serio.
Gli ultimi esami hanno evidenziato anche una carenza di Zinco che fino ad un mese fa era sempre stato nella norma. Confido nel fatto che questo sia dovuto all'assunzione degli integratori di rame (che ora ho smesso di prendere in quanto inutili) e che torni da solo ad un valore ottimale.
La carenza di rame potrebbe essere dovuta a un mal'assorbimento causato da qualche problema a reni, intestino o fegato?
Voglio precisare che tutti i valori degli esami standard sono normali e ho anche fatto un'ecografia all'addome, così giusto per vedere, ed è tutto normale.
L'unica cosa strana che ho notato negli ultimi mesi oltre la caduta dei capelli e stanchezza è una specie di tic all'occhio sinistro che compare ogni tanto. Non è un vero tic, è più la palpebra che si contrae leggermente da sola ed è fastidioso.
Nel caso vogliate trarre la stessa conclusione del mio medico di base, vi informo che non sono per niente stressato.
Se avete ipotesi sulla causa di questa carenza e relativi esami che potrei effettuare sono aperto a qualsiasi idea.
Grazie mille
[#1]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
oltre alla Cupremia, che a suo dire scende inesorabilmente, ha fatto altri esami compresi queli per escludere una Celiachia?
Il suo Defluvium Capillorum è sicuramente riconducibile alla carenza di Rame o piuttosto non è la manifestazione di una alopecia androgenetica?
Io non so se lei sia stressato o meno; non so neppure se il dermatologo che l'ha vista sia anche un tricologo oppure no.
E' stato valutato il pattern del ferro, la funzionalità di organi e apparati oltre alla tiroide e tutto quanto serve per escludere un malassorbimento e non solo di rame?
Se ha queste informazioni e se ce le vuole fornire, potremo risponderle più compiutamente, perchè i dati che posta sono carenti soprattutto in considerazione che si tratta di un consulto telematico.

Cordiali Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
ringraziandola per la risposta le dico quanto so.
Per la precisione ho visto 3 dermatologi tra i quali soltanto l'ultimo (tricologo) mi ha fatto fare degli esami del sangue dal quale è emersa questa carenza di rame. Sempre lo stesso dermatologo mi ha fatto fare Ab anti-cell. parete gastrica risultato negativo e Ab anti transglut. anch'esso negativo (Ab anti transglutaminasi IgA valore 1.3 UA. e IgA totali 293 mg/dL) quindi si dovrebbe escludere la celiachia.
Sempre lo stesso dermatologo ha diagnosticato un'iniziale lieve alopecia androgenetica sul vertex per la quale mi ha prescritto un'apposita cura costituita da una lozione da applicare una volta al giorno e un integratore. Ma si tratta di un iniziale diradamento in una zona circoscritta mentre l'effluvio interessa tutta la testa.
Gli esami della tiroide li avevo gia fatti a Luglio 2015 (TSH 2.30 mcU/mL. Valori di riferimento 0.35 - 4.90)
Li ho comunque ripetuti a Maggio di quest'anno e il valore è 1.55)
A Maggio anche i valori di Ferro e Vit.D erano un pò al limite, anche se sempre nei valori di riferimento, ma ora sono saliti un pò, probabilmente anche per via del Supradin che ho preso assieme agli integratori di rame. I valori ora sono Sideremia 81, Ferritina 112, Vit.D 39.
Mentre la cupremia è a 40 con valori di riferimento 70-155 e lo Zinco è a 68 con valori di riferimento 75-140. (A Maggio era a 93)
Cosa intende per valutazione di organi e apparati? Oltre a questi esami e a quelli che si fanno "di routine" come colesterolo ecc non ho fatto altro.
Da diversi anni mi si forma una patina bianca sulla lingua e diversi brufoli sulla schiena ma il mio medico ha sempre ignorato queste cose dicendo che sono normali. Io più che una cosa normale la vedo come un possibile problema di digestione o di accumulo di tossine. Ma non sono un medico quindi non mi oppongo.
Spero di riuscire a risolvere almeno il problema della stanchezza perchè ultimamente sono veramente poco produttivo.
Se le servono altre informazioni rimango a disposizione.
La ringrazio
[#3]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Salve,
come le avrà spiegato il Dermatologo /tricologo un defluvium può comparire anche diversi mesi dopo un evento stressante.
O in corso di esso.
Andare a misurare lo zinco e il rame mi pare una pratica che non porta da nessuna parte, anche perchè la reale responsabilità di questi microelementi in patologie è importante quando sono in eccesso e non in carenza lieve.
Gli esami per valutare organi e apparati sono quelli per verificare la funzionalità renale, gli elettroliti, la funzionalità epatica, che se non ho capito male lei ha fatto.
A quali tossine si riferisca francamente non lo so: è stato da tre dermatologi non le hanno detto nulla sulla sua pelle? Si sono fermati ai capelli?
E sui capelli sono stati fatti esami tricologici adeguati?
Se posta il consulto in Dermatologia sicuramente riceverà risposte più perinenti e altamente qualificate.

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Si, mi è stato accennato qualcosa sugli eventi stressanti ma ritengo di non aver subito importanti stress negli ultimi anni. E l'effluvio va avanti da 9 mesi ormai. Inoltre non spiegherebbe questa stanchezza cronica.
Sui capelli non sono stati effettuati esami, soltanto la classica videodermatoscopia, e io sinceramente dopo aver visto 3 dermatologi non saprei più che fare a riguardo. Posso postare un consulto in Dermatologia come mi consiglia, magari lo farò, ma ad un certo punto, come è normale che sia, mi verrà consigliato di fare una visita presso qualche specialista. Devo vederne un quarto? Spendo una media di 150 euro a visita per parlare con persone che non hanno la minima intenzione di indagare sulle cause dei problemi ma si limitano a cercare di curare i sintomi con integratori che alla fine si rivelano inutili. Quelli me li posso prescrivere anche da solo facendo una ricerca di 10 minuti su internet.
Comunque la ringrazio per le risposte, è stato molto cordiale ed esaustivo.
Cordiali saluti
[#5]
Attivo dal 2007 al 2020
Medico Chirurgo
Saluti anche a Lei!
Dr. Caldarola.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa