Utente 132XXX
Carissimi dottori sono mesi che viviamo con la mia famiglia uno stato di ansia per le condizioni di mia madre di 76 anni, dopo un paio di giorni con pressione a 250 ci siamo recati in ospedale e questo è stato il decorso clinico:
sensibile differenza dei valori pressori in orto e clinostatismo con cambio della terapia antipertensiva con sospensione graduale di doxazosina e potenziamento di sartanico e diuretico e introduzione di clonidina per via trans dermica con graduale riduzione della sintomatologia vertiginosa.L'indagine TC ha fatto emergere un quadro di encefalopatia vascolare cronica in assenza di lesioni vascolari recenti. Il controllo pressorio è stato valutato anche con dosaggio di cortisolo, ACTH e catecolamine urinarie risultato nella norma. L'ecocardio ha mostrato iniziale valvulopatia aortica sclero-degenerativa con PAP nei limiti e FE 67,4%, eco delle arterie renali nella norma e doppler TSA con riscontro di stenosi carotidea bilaterale e ateromasia severa delle arterie vertebrali. Per il riscontro laboratoristico di dislipidemia è stata intrapresa terapia con statine. La sintomatologia vertiginosa è stata valutata anche dal punto di vista ORL senza riscontro di alterazioni periferiche.
Di seguito vi elenco i farmaci attualmente presi da mia madre:
Solosa 4 mg 1 cp ore 12
Torvast 20 mg 1 cp ore 22
Metforal 850 1 cp * 3 ai pasti
Lecardip 10 1 cp ore 20
Zyloric 300 1/2 cp ore 12
Ascriptin 300 1 cp ore 12
gastroprotezione 1 cp ore 8
Olprezide 20/12.5 mg 1 cp ore 8
Microser 8 mg 1 cp ore 8
Catapresan TTS 1 cerotto 1 ogni 7 giorni
Da quando è tornata a casa ha iniziato a dimagrire è stà diventando sempre piu' deperita. Ha sensi di nausea continua e vertigini e la pressione ieri sera è arrivata ancora a 200 con 92 battiti al minuto.
Quando gli arrivano questi attacchi comincia a sudare, volevo chiedervi se questi medicinali tutti insieme possono avere effetti collaterali, se esistono ulteriori controlli da poter fare e se si possono eventualmente cominciare ad eliminare alcuni di questi farmaci, a me personalmente sembra strano questo stato di salute e credo che alcuni farmaci le stiano dando delle difficoltà, ne esistono di alternativi? Cosa posso fare? Vi prego datemi dei consigli, ieri sera prima di avere questa sudorazione aveva preso metforal e lecardip, è possibile che questi medicinali possono darle dei problemi?
Vi ringrazio per la collaborazione e per il tempo che mi avete dedicato, spero possiate rispondermi al piu' presto.
Buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo il tipo di terapia e la sintomatologia riferita, rendono il quadro clinico troppo complesso per poterle essere d'aiuto on line. In linea generale, la sudorazione e il rialzo pressorio, potrebberò esser connesse anche ad una eventuale ipoglicemia, mentre il solo rialzo pressorio richiederebbe, forse, un diverso approccio farmacologico. Ne parli con il collega di riferimento.
Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO

[#2] dopo  
Utente 132XXX

La ringrazio di cuore dott.Martino per la sua tempestiva risposta, vorrei chiedere cosa intende per diverso approccio farmacologico.....come posso constatare una eventuale ipoglicemia?
Visto che sono qui e vista la vostra cortesia vi pongo anche un ulteriore quesito, uno dei miei migliori amici è stato colpito da Seu che io neppure sapevo esistesse, vi chiedo se la plasmaferesi è la cura attualmente migliore che la medicina può usare per combatterla....
Scusate ma siamo tutti in ansia........
Grazie mille