Utente 218XXX
Buonasera,
Scrivo perché da qualche mese soffro di un'infiammazione alla lingua che si presenta come delle piccole afte che bruciano, sono poco visibili e vanno e vengono ad intermittenza....
Il mio mediocri base mi ha fatto fare due cicli di vitamine, vedi betotal e supradin forte, senza risultati. Mi ha poi prescritto delle gocce di cortisone da applicare sulla lingua, ma nulla di fatto. Ora mi ha detto di prendere del ferro per 2/3 mesi, lo sto' prendendo da 1 mese e mezzo ma inizio a preoccuparmi...Non se ne vanno....
Ho fatto gli esami del sangue. È risultato che ho avuto una tiroidite per cui il valore degli anticorpi anti tireoperossidasi sopra i 600 ma tra, ft3 e ft4 nella norma...
Monociti a 13,9
Siderurgia 43 (e da qui il ferro)
Trigliceridi 24

Proteine nelle urine 10
Il resto tutto regolare....

Di cosa si può trattare?perché non passano?cosa posso fare?

Donna, mamma di un bimbo di 2 anni, 38 anni.
Dopo la gravidanza ho avuto anche l'alopecia. L'ho curata con successo e 2 settimane fa mi è tornata....(lo scrivo nel caso facesse parte di sintomi...)

Grazie
Daniela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non avendo ricevuto ancora risposte in questa area Le consiglierei di ripostare ANCHE in area OTORINOLARINGOIATRIA

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Dr. Marco Capozza

40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
LECCE (LE)
MATINO (LE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gent Paziente

Se il suo medico ha già escluso la presenza di altre patologie Le consiglierei una visita da un dentista per valutare anche la situazione dentale.

Sono poi disponibili appositi medicinali molto validi per le afte, ma la prescrizione deve essere effettuata dopo una visita.

Cordiali saluti
Dott. Marco Capozza
http://www.dentista-lecce.com
mailto: dentista.salento@gmail.com

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile signora,
L'aftosi ricorrente del cavo orale è evenienza tutt'altro che infrequente, molto invalidante e con la possibilità di numerose cause.
Trattandosi di patologia ad etiologia ancora non definitiva e comunque multifattoriale, è difficile stabilire via web una diagnosi.
Le lesioni soprattutto se persistenti devono essere viste da un dermatologo, a cui spetta la valutazione della pelle e delle mucose, compresa quella buccale.
La terapia con il ferro, del cui pattern riporta solo la sideremia e non la ferritina e la transferrina, è inutile se non è realmente verificata la deplezione di questo elemento e la causa della stessa. .
Lo stesso vale per la vit. B12 e per l'acido folico di cui non è stato riportato il dosaggio.
In quanto a 24 di trigliceridi è sicura di aver copiato bene?
Infine lei ha in atto più di una patologia autoimmunitaria la tiroidite e una alopecia areata ( verosimilmente) anche questa di pertinenza squisitamente dermatologica.
Poiché in casi infrequenti l'aftosi del cavo orale può essere espressione di importanti patologie immunitarie, se il suo medico non le trova la soluzione non esiti a recarsi al dermatologo, dia retta.
Il controllo odontoiatrico è senz'altro utile per la verifica dei denti e del parodonto.
Deve essere una abitudine costante, se non lo è già.
Faccia sapere, se vuole.
Cordiali saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.