Utente 368XXX
Buongiorno dottori,
vi scrivo per avere alcune delucidazioni su possibili cause di sintomi di mia madre (60 anni circa).
Un paio di medici, un po per esclusione e presenza di alcuni sintomi tipici, le hanno associato come malattia la depressione; ma non ne sono completamente sicuri (che sia solo quello se lo è) in quanto ci sono anche alcuni valori anomali nel sangue, e qui vi spiego meglio.
Negli ultimi due mesi ha avuto un improvviso peggioramento tale da costringerla sempre a letto o quasi. Dice che non ha le forze, si sente debole ecc. Ha poco appetito e soffre d'insonnia. Ha perso molti chili. Sicuramente il morale è basso ora ma può essere una conseguenza di questo stato e non una causa.
Le sono stati inizialmente dati psicofarmaci (duloxetina 60) ma non hanno dato nessun beneficio, anzi l'hanno costretta a ricoverarsi in ospedale dopo qualche gg dove le è stato riscontrato un eccessivo abbassamento di sali nel sangue, soprattutto sodio, a livelli tale da portare quasi al coma (121, quadro SIADH). Pare che gli psicofarmaci hanno condizionato questo abbassamento (cosi scritto nella diagnosi) ma a me sembra molto strano visto che un mese prima aveva avuto un altro ricovero dove già si rilevava sodio basso 131 accompagnati da un valore leggermente anomalo di leucociti 0,94 x10^3/ ml. Dopo qualche gg di flebo con soluzione salina NaCl che le hanno riportato sali in condizioni normali è stata rimandata a casa (ma senza indagare le cause del SIADH...), siccome tac cerebrale ok, ventricoli ok, ecoaddome ok, fegato ok ma con alcune formazioni cistiche, pancreas, milza, reni, aorta e retroperitoneo nella norma. Una TAC in zona addominale non le è stata fatta a quanto pare e manco nessuno controllo a livello toracico/polmonare. Sono stati cambiati psicofarmaci (mirtazapina e stilnox) che hanno portato ad un ulteriore peggioramento, fino a fasi deliranti. Sono stati quindi sospesi e mandata in terapia con levopraid e delorazepam.
Nelle penultime analisi si riscontravano valori appena sotto la norma di linfociti (19,8%), B gram eosinofili (0,03 10^3/mm3) e sodio (133).
Nell'ultimissimo ricovero (3 gg in psichiatria a causa della presunta sindrome depressiva ma senza evidenze deliranti) sembra che il sodio rientri in norma, anche se basso (135) ma diventano anomali linfociti 16,1%, S-proteina C reattiva 0,97 g/dl, S-urea 9 mg/dl, S-cloruro 97 meq/l, S transaminasi AST (GOT) 49 mU/ml, S transaminasi ALT (GPT) 65 mU/ml.
Quali analisi consigliate o specialisti consigliate?
Ho letto del morbo di Addison che potrebbe portare ad una sorta di depressione con bassi livello sodio ad esempio. Inoltre penso ci siano da investigare piu a fondo i reni o comunque le cause di questa SIADH, focalizzandosi meno sulla depressione come causa ma come magari conseguenza. E le transaminasi?
Grazie dei consigli

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Guardi che le ho risposto ieri!
Non è consentito dal regolamento del Sito inoltrare lo stesso consulto con copia - incolla.
Sua madre ha bisogno di essere ricoverata in una struttura adeguata per una valutazione generale.
In base a quanto da lei profusamente scritto, la iposodiemia va indagata in Nefrologia o in Endocrinologia.

Repetita iuvant sed stufant, dice un motto popolare.
Non mi costringa a segnalarla allo staff per la rimozione o la chiusura del consulto.

Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.