Utente 150XXX
Salve,nel 1997 mi è stato diagnosticato un osteosarcoma osteoblastico, ho subito cicli di chemioterapia e la resezione di parte del femore e della tibia e mi è stato impiantata una protesi; per il periodo della malattia mi è stata riconosciuta l'invalidità civile del 100% e l'indennità di accompagnamento per anni 2. Dal 2000 al 2007 mi è stata riconosciuta un'invalidità civile pari al 70%, dal 2007 mi è stata ridotta al 50%. Nel 2007 sono stato sottoposto a revisione di parte della protesi con sostituzione boccole (parti in plastica tra rotula e protesi). nel febbraio 2010 sono stato nuovamente sottoposto ad intervento chirurgico per sostituzione dello stelo femorale, che ha comportato la resezione di ulteriore parte di femore (credo me ne resti al massimo 1 cm), ed è stata impiantata una megaprotesi ed effettuato un innesto di osso preso dalla banca dell'osso. ho diritto ad un invalidità superiore a quella accordatami nel 2007 (50%)? grazie

[#1] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
un ortopedico dovrebbe certificare la sua patologia da un punto di vista medico legale.Intendo capacità deambulatoria residua e qual'altro danno derivi da questa nuova e, credo, limitata nel tempo, posizione
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL