Utente 151XXX
Buonasera signori,
avrei bisogno di un consiglio medico legale. Sono un artigiano (restauratore) di 32 anni, e a Novembre, sul lavoro, ho subito una lesione alla placca volare del pollice sx. al pronto soccorso ho riferito una pregressa frattura da schiacciamento al solito pollice subita circa un anno prima, a metà della prima falange ( partendo dal palmo credo sia la prima). il medico legale dell'inail ha chiuso con un 4% di danno biologico, e alla mia domanda se il punteggio valesse anche per la mia assicurazione personale infortuni ( con franchigia del 3%), mi ha gentilmente raccomandato di stare attento, poichè secondo lui l'assicurazione avrebbe dichiarato già chiusa la pratica con la diaria da gessatura del primo incidente e affermato che la nuova lesione fosse conseguenza del primo e quindi non liquidabile dalla polizza infortuni. io sono sicuro che la lesione della placca volare non sia conseguenza della frattura ma solo di una brusca distorsione, ma come posso dimostrarlo in sede medico legale? ho secondo voi la possibilità di avere un risarcimento per un danno permanente (vorrei solo ciò che mi spetta e niente di più, visto che pago una polizza proprio per tutelarmi da queste situazioni) o sto soltanto perdendo tempo?
Vi ringrazio fin da adesso per la vostra disponibilità...offrite un servizio meraviglioso. complimenti a tutti.
Buona serata.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

bisogna vedere che cosa abbia effettivamente comportato il trauma distorsivo rispetto alla precedente frattura soprattutto in termini di menomazione funzionale.
Deve consultare un medico-legale, il quale, analizzando le radiografie ed il contesto anamnestico-clinico, potrà dire:
a) se il trauma distorsivo ha aggravato la precedente menomazione; in tal caso si tratterebbe di una "concausa di menomazione", che è indennizzabile e le spetterebbe in polizza la differenza venutasi a creare con il nuovo trauma (salvo eventuali franchigie);
b) se il trauma distorsivo non ha comportato alcun peggioramento di menomazione rispetto a quella prodotta dalla precedente frattura; in tal caso, nulla le potrebbe essere indennizzato in aggiunta a quanto abbia già percepito nella polizza privata.

danno alla persona
https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=81907
http://www.medico-legale.it/danno_biologico.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 151XXX

Buonasera Dottore,
la ringrazio per la sua immediata disponibilità, siete un esempio per tutti quelli che si avvicinano alla vostra professione.
il nuovo trauma ha comportato una ridotta mobilità del pollice verso il palmo della mano (35-40%), ma non fortunatamente nella sua funzione opponibile. devo indossare uno split ergonomico quando sono al lavoro per evitare che la distorsione diventi cronica. avverto sensazioni di fastidio più che di dolore sia nella funzione ma anche quando l'inoperosità è prolungata.
ho già effettuato una visita dal medico legale incaricato dall'assicurazione, e sono in attesa di risposta, secondo lei dovrei farne una anche di controparte? Il 4% dichiarato dall'inail in sede medico legale può essere usato per controbattere un eventuale punteggio minore da parte dell'incaricato della assicurazione?
Abbia pazienza, cercherò di non disturbarla ulteriormente, e la ringrazio infinitamente per il tempo che mi ha dedicato.
Cordiali saluti Dottore, le auguro il meglio.

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
è difficile risponderle senza "visitare" il suo pollice

attenda il responso dell'assicurazione, per decidere se valga la pena consultare un medico-legale.

Le posso solo anticipare che la nuova tabella valutativa adottata dall'INAIL (DM 7/2000) è diversa da quelle adottata in polizza infortunistica privata.
Questa adotta:
o la tabella ANIA (che equivale più o meno alla nuova tabella INAIL ex DM 7/2000)
o la vecchia tabella di legge INAIL ex DPR 1124/65 (che è maggiore sia della tabella ANIA che della nuova tabella INAIL in misura più o meno del 25-30%).

Per vedere quale tabella sia adottata, bisogna verificarlo nella polizza.

Buona serata.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it