Utente 153XXX
gentili medici di " volevo sapere se mio padre poteva andare DEFINITIVAMENTE in pensione(gli dovrebbero mancare 6 o 7 anni x maturare i 40 previsti x la pensione),fu colpito da infarto in dicembre 2007 .. la mini pensione triennale scade in aprile ed ha la visita.. vorrebbe rinnovarla per minimo tre anni ed è un po preoccupato perché
non se la sentirebbe di ritornare a lavoro se lo imponessero allora chiedo a voi con le seguenti patologie : ECOcolorDoppler completo modalità transtoracico
parametri misurati e indici
Sezioni sinistre
Radice aortica 36
atrio sinistro 45
VALVOLA Aortica


VENTRICOLO SINISTRO aperture semilunari 23 (>14)mm
telesistole 40 mm fraz.accorciamento 31 (>30)
massa 189gr
vel max onda A 94 cm/sec rapporto e/a 0.74 (>1)
diametro t58 (<56) mm
setto I-V Td10 (6-11) mm
parete post td 7 (6-11) mm
relative wall tic 0.24
VALVOLA MITRALE
Vel. max onda E70 cm/sec
gradiente max 3.53 mmhg

SEZIONI DESTRE
ventricolo destro 24 (<26)mm


Diametro della radice aortica nei limiti della norma. Ispessimento delle parete della aorta.normale apertura delle semilunari aortiche.Ispessimento delle cuspidi. dilatazione dell' atrio sinistro.dilatazione del ventricolo sinistro.spessore del setto e della parete posteriore nella limiti norma
mitrale: ispessimento di entrambi i lembi. inversione rapporto e/a ventricolo destro nei limiti della norma
cinetica basale:ipocinesia della parete inferiore apicale:acinesia del setto anteriore medio del setto inferiore medio del setto inferiore apicale della parete antero laterale apicale,della parete anteriore media, della parete anteriore apicale, dell'apice.funzione globale vs compromessa con fe di 0.34 normale funzione del ventricolo destro.
conclusioni: ECG: tracciato invariato. ritmo sinusale normofrequente;esiti di im antero settale . bbdx completo pa 110 80 p c 80 kg visita cardiologica: non segni di stasi polmonari. ex fumatore. ipercolesterolemia . nel dicembre 2007 IMA anteriore esteso con PTCA primaria + stent su DA . in seguito PTCA elettiva su c dx occlusa cronicamente.nel gennaio 2009 lipotimia con riscontro di FA in seguito cardiovertita con propafenone.nell'aprile 2010 ricovero per sincope di ndn in paziente con compromissione della funzione vs il paziente fu sottoposto ad impianto di ICD
da allora discreto benessere
la situazione del paz. appare stabile in buon compenso emodinamico FE stabile intorno a 0.35
TERAPIA : ascriptin 300 1c, plavix 75 1c, lasix 25 , enapren, inegy, eskim , pantorc, cardicor

QUESTE CONDIZIONI
PERMETTONO DI LAVORARE?
gli è stata riconosciuta l'invalidità dell'80% con riduzione permanente superiore a due terzi


p s. la FRAZIONE DI EIEZIONE A 0.34 COSA SIGNIFICA??
RINGRAZIO anticipatamente gentili medici di medicitalia.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
la situazione è sicuramente grave.
Ai fini di una residua validità sul lavoro occorre però conoscere la storia lavorativa di suo padre, che lavori ha svolto, per quanto tempo, quanti anni ha, etc.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 153XXX

Grazie x la risposta gentile dr. andrea mancini , mio padre ha 52 anni e lavorava da 35 anni come operaio in fabbrica sono 3 anni che è in pensione inps. quante possibilità ci sono che debba tornare a lavorare?e... la situazione è tanto grave da far pensare a un trapianto di cuore?? risponda con sincerità.
ringrazio anticipatamente x il servizio che fornite gentili medici di "medicitalia".

.p s. la FRAZIONE DI EIEZIONE A 0.34 COSA SIGNIFICA??

[#3] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
per quanto riguarda la situazione cardiaca credo sia più opportuno, dato il livello molto elevato degli specialisti del settore, che lei rivolga la domanda alla sezione di cardiologia.
Per quanto attiene alla validità sul lavoro, mi sembra che questa sia quasi scemata del tutto nelle occupazioni confacenti di suo padre, in altri termini non credo si tratti di un soggetto ricollocabile.
Ritengo opportuno lei si rivolga ad una struttura di patronato che abbia come medico uno specialista in medicina legale e quindi far esaminare direttamente sia suo padre sia la documentazione.
Ritengo opportuno provare a richiedere l'inabilità lavorativa all'Inps.
Buona serata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni