Utente 922XXX
Ho 37aa e circa 6 mesi fà trauma distorsivo ginocchio sinistro
Eseguita artrocentesi di materiale ematico.
Eseguita RM ginocchio con referto di Lesione subtotale LCA, lesione fratturativa menisco mediale corno posteriore e distrazione LCM.
No intervento chirurgico
Attualmente il ginocchio si gonfia, episodi di cedimento soprattutto nei cambi di direzione e nello scendere dall'auto.
Ho un'assicurazione personale per infortuni dove ho presentato tutta la documentazione medica senza alcuna perizia.
L'assicurazione mi ha chiamato dicendomi che il punteggio di invalidità è: 2,5% poichè il danno è stato valutato 5,5% meno 3% di franchigia.
Chiedo se questa è una valutazione adeguata. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
La valutazione del danno per le lesioni da lei riportate, secondo il referto RMN (lesione LCA, lesione menisco mediale) possono equamente essere valutate nella misura percentuale del 11% (8%LCA+3%Menisco) in tabella ANIA.
Se in tabella INAIL la percentuale può essere vicino al 12/13%. Deve chiedere al suo assicuratore a quale tabelle di riferimento è stata stipulata la sua polizza per il calcolo dell'invalidita permanente.
Saluti
dr Pasquale Bergamo

[#2] dopo  
Utente 922XXX

grazie per l'estrema velocità nel rispondere e per la chiarezza della risposta.
La polizza fà riferimento alla tabella ANIA.
Ho provato a cercare lesione LCA sulle tabella ANIA ma non ho trovato nulla.
Come posso fare?

[#3] dopo  
Dr. Pasquale Bergamo

36% attività
4% attualità
12% socialità
SCALEA (CS)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2010
Non deve ritenere le mie indicazioni reali in merito al suo specifico caso ma solo teoriche in riferimento a quanto riportato dall'esame strumentale RMN (che potrebbe essre diverso dall'esame clinico). Solo la visita medica, e non altro, può stabilire la reale valutazione delle sue menomazioni. Si affidi quindi ad uno specialista in Medicina Legale che sicuramente le darà le risposte adeguate al suo caso.
Saluti
dr Pasquale Bergamo