Utente 162XXX
Buongiorno. Circa sette mesi fa mia madre, dimessa tre ore prima dal locale P.S. ove si recava a causa di forte dolore toracico, moriva a casa per arresto cardiocircolatorio (refertato dal 118); preciso che la diagnosi di dimissione era "crisi d'ansia con epigastralgia".
Visto che non è stata effettuata l'autopsia mi pare di capire che sia al quanto improbabile stabilire un nesso causale, però siccome ci sono diverse anomalie nella cartella clinica vorrei sapere se confrontando un ECG precedente anche datato diversi anni è possibile stabilire che quello nella cartella clinica (consegnatomi in un secondo tempo dopo formale reclamo) sia di mia madre. Preciso un altro punto, sull'ECG in questione ci sono scritti vari nomi e precisamente un nome che non ha nulla a che fare con la mia famiglia, poi tre lettere che corrispondono alle prime lettere del mio cognome e poi nome e cognome corretto di mia madre. Come facevano a sapere il mio cognome la sera dell'ammissione al P.S.? Come mai solo sull'ECG è riportato il cognome corretto di mia madre, che all'accettazione era stato scritto per errore materiale con un "L" al posto di una "N" e così riportato giustamente in tutte le parti della cartella? Il mio cognome ed il cognome corretto di mia madre l'hanno potuto sapere sollo dalla mia richiesta di cartella clinica e dal successivo reclamo per l'incompletezza della stessa. Vi prego aiutatemi.
Resto in attesa e porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
no, l'ECG non è come una impronta digitale

sul fatto che sul tracciato vi siano vari nomi e che possa trattarsi di un errore o di uno scambio di documento, occorre analizzare la documentazione e confrontare i dati i riportati sul tracciato con quelli della cartella clinica.

Noto, però, che lei sta girando attorno allo stesso problema, se cioè vi può esservi stata una diagnosi errata in occasione della visita di pronto soccorso; su questo mi pare di averle risposto ampiamente nel suo precedente consulto
https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-legale-e-delle-assicurazioni/171440/Errata-diagnosi

buona giornata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 162XXX

Egregio dott. Corcelli, innanzitutto la ringrazio per la sua disponibilità e per la sua ennesima consulenza, ma il problema è che non so come muovermi. Visto che non è stata effettuata l'autopsia lei stesso mi ha detto che non è possibile stabilire un nesso causale. Forse però dovrei essere più chiaro sul perchè di quest'ennesima richiesta di consulenza. Se è vero che non si può stabilire un nesso causale l'unica strada da percorrere, mi pare di capire, è quella di dimostrare che la cartella clinica sia stata manomessa il che equivalerebbe ad un'ammissione di colpevolezza. Non vorrei sembrare ripetitivo ma le ripeto il quesito, ammesso che il primo sia un nome messo per "distrazione", come facevano a sapere il mio cognome la sera dell'accettazione al P.S.? Lo hanno appreso solo sulla mia richiesta di cartella clinica e sul reclamo per l'incompletezza della stessa. Seppur incompetente in materia, non credo possano motivare facilmente la presenza di più nomi sullo stesso tracciato ed il perchè più mani abbiano scritto i vari nomi ma soprattutto sottolineo che non potevano conoscere il mio cognome. Probabilmente non è così semplice come magari vorrei io, ma esimio dott. Corcelli il dato di fatto è che mia madre dopo poco meno di 4 ore dalla dimissione dal pronto soccorso è morta e vorrei soltanto sapere il perchè e se eventualmente ci sono responsabilità.
La ringrazio anticipatamente per l'aiuto che potrà darmi e le porgo i mie più cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
"non è stata effettuata l'autopsia, lei stesso mi ha detto che non è possibile stabilire un nesso causale"

non ho mai affermato una cosa del genere
al contrario, ho affermato che la vicenda di sua madre merita di essere esaminata nei dettagli ed in particolare ho scritto che "soprattutto va chiarita la questione dell'elettrocardiogramma"

ma lei insiste nel pretendere una perizia di parte online, cosa del tutto impossibile senza uno studio accurato e diretto della vicenda.

Un consulto online può dare degli orientamenti, dei consigli, suggerire come muoversi, e mi pare che questo le sia già stato dato.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 162XXX

Buongiorno dott. Corcelli.
Innanzitutto le mie scuse, in effetti lei non mi ha mai detto che senza autopsia è impossibile stabilire un nesso causale.
Domanda, eventualmente anche senza autopsia è possibile procedere? Ci sono precedenti analoghi?
Come ha capito bene il problema è capire se e nell'eventualità come muovermi.
Ovviamente lei non può dirmi di più senza visionare la documentazione.
Posso contattarla riservatamente in modo tale da farle visionare la documentazione e capirci meglio.
Grazie. Buona giornata.

[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
le ribadisco che occorre esaminare la documentazione prima di capire come procedere
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it